Strategia

Covid, in Liguria nuovi posti letto per evitare la zona gialla: una struttura sarà nel ponente ligure

Il piano per accelerare le dimissioni e allontanarsi dalle soglie critiche per quanto riguarda i ricoveri

Generica

Liguria. La Liguria aumenta i posti letto per dimettere i pazienti Covid dopo il ricovero in ospedale. L’ordinanza firmata oggi dal presidente Giovanni Toti prevede infatti il potenziamento della struttura già operativa a Genova e l’attivazione di un’ulteriore struttura residenziale nel ponente ligure dedicata alla degenza protetta per chi avrà bisogno di ulteriore assistenza prima del rientro al proprio domicilio.

Sarà Alisa a fornire disposizioni alle aziende ed enti del servizio sanitario regionale per l’attivazione di cosiddette ‘Aree sanitarie temporanee’ (Ast). In particolare, viene potenziata la struttura già operativa di viale Cembrano a Genova, che passa da 50 a 65 posti letto disponibili con l’assistenza infermieristica e la presenza del direttore sanitario, mentre è in fase di individuazione entro i prossimi giorni un’analoga struttura nel ponente ligure, che sarà utilizzata sia dalla Asl2 che dalla Asl1.

In questo modo la Regione conta di accelerare le dimissioni e sgravare così gli ospedali, anche per allontanarsi dalle soglie critiche che non devono essere superate per mantenere la classificazione in zona bianca. “Per il momento direi che siamo piuttosto lontani” dalla zona gialla” ha detto oggi il governatore Toti.

“Le nostre aree mediche sono ancora piuttosto sgombre, le terapie intensive sono sostanzialmente stabili da molte settimane, ma è evidente che, con una crescita complessiva del Covid in tutto il Paese e con un numero di contagiati ormai piuttosto importante, il rischio ci può essere”.

“Queste strutture sono state fondamentali durante la prima fase dell’emergenza sanitaria – ricorda il presidente Toti – e sono funzionali al raggiungimento di due obiettivi: il primo è garantire ai pazienti ancora positivi, soprattutto le persone non autosufficienti, l’assistenza di cui hanno bisogno una volta dimessi dall’ospedale dopo aver superato la fase acuta della malattia. Il secondo è quello di assicurare da un lato un turn over adeguato dei posti letto Covid dimettendo chi può essere dimesso e, dall’altro, la disponibilità dei posti letto funzionali alla ripartenza del nostro sistema sanitario, che sta tornando alla normalità, riprogrammando tutte le prestazioni rimaste sospese durante la fase più difficile dell’emergenza sanitaria”.

Il piano Restart è in fase di attuazione: stiamo riprogrammando interventi chirurgici, esami, accertamenti per cui i cittadini non possono aspettare oltre. Per questo è indispensabile garantire la disponibilità di posti letto anche per le altre patologie, che non siano il Covid-19, dimettendo chi non ha più bisogno di cure ospedaliere ma assicurando, al contempo – conclude Toti – un’assistenza qualificata per i soggetti più fragili”.

leggi anche
covid coronavirus tamponi
Il bollettino sanitario
Covid, non si arresta l’impennata dei nuovi casi in Liguria: sono 579. In continua crescita i ricoveri
vaccino bambini
La decisione
Liguria, vaccino Covid ai bambini solo in hub riservati: al via le prenotazioni il 13 dicembre
alberto zangrillo
Commento
Covid, Zangrillo: “Basta terrore, il virus va affrontato senza dare troppo ascolto ai giornalisti”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.