Il punto

Covid, il primario Anselmo: “Costretti ad aumentare i posti letto, in terapia intensiva il 95% è no vax”

Le dichiarazioni ad Assfad: "Oltre al San Paolo, reparti Covid anche ad Albenga e Pietra, chi non è vaccinato rischia polmonite bilaterale e severa insufficienza respiratoria"

marco anselmo san paolo

Savona. Impennata di contagi in Liguria, che ieri ha registrato il record di nuovi positivi in un giorno. Una situazione che ha avuto delle ripercussioni anche sugli ospedali, con la nostra regione che rischia di passare in zona arancione a causa dell’aumento dei ricoveri. Ma qual è l’impatto che la variante Omicron e questa recrudescenza del Covid-19 sta avendo nel savonese? A spiegarlo, in un’intervista realizzata da Assfad (Associazione Savonese per lo Studio e la cura delle malattie del Fegato e dell’Apparato Digerente ) è il dottor Marco Anselmo, primario di Malattie Infettive dell’ospedale San Paolo.

“Il reparto di Malattie Infettive Covid che dispone di 24 letti di degenza Sub-Intensiva è stato affiancato da circa 10 giorni dal Reparto Covid Medicina 2 che dispone di 22 letti che saranno ulteriormente ampliati a 26 nei prossimi giorni – spiega il primario -. Da diverse settimane il Covid Malattie Infettive era sottoposto ad una forte pressione sia nel numero sia nella complessità dei pazienti per cui è stato indispensabile poter allargare il numero di posti letto ai due reparti di Savona e ad altri due all’ospedale di Albenga (Malattie Infettive MIOS e Medicina). Inoltre sono presenti altri 8 posti di Area Covid presso l’ospedale di Pietra Ligure. Per quanto riguarda i reparti Intensivi la Rianimazione di Savona al momento ospita 9 pazienti critici e altri 4 sono presso ospedale di Albenga”.

Tra i ricoverati qual è il rapporto tra vax e no vax? “Nei reparti ordinari all’incirca abbiamo 70% di pazienti non vaccinati ed un 30% di pazienti vaccinati – racconta Anselmo – nelle terapie intensive questo numero si amplia enormemente con una prevalenza di non vaccinati del 90-95%”.

“La circolazione virale in questo momento è nuovamente a livelli altissimi con indice RT a livelli di 3,8-4.0 – specifica – Questo non significa però che il numero dei ricoverati sia paragonabile a quello raggiunto l’anno scorso in questi periodi o, nel savonese nell’aprile 2021; moltissimi sono i soggetti vaccinati che sono a casa positivi con scarsa o nulla sintomatologia. In questo momento i casi gravi o gravissimi rimangono appannaggio dei soggetti non vaccinati con polmonite bilaterale e severa insufficienza respiratoria”.

Per il primario del San Paolo, bisogna quindi continuare a puntare su mascherine e vaccini per cercare di sconfiggere il virus. “Resta giustamente in vigore in questo periodo l’obbligo di mascherina (ora anche all’aperto) e, voglio sottolineare, soprattutto in luoghi frequentati da tante persone in ambienti chiusi. Ormai sappiamo che il vaccino, se fatto con le prime 2 dosi e rafforzato con una dose booster, è efficace per preservarci da una forma di malattia grave ma molto meno dalla sola infezione (asintomatica o paucisintomatica)”.

Per quanto riguarda invece i guariti, Anselmo sottolinea: “Un’altra esperienza scaturita da questi 2 anni di pandemia e maturata nelle corsie Covid, è che i soggetti che hanno contratto il virus, a meno che non siano fortemente immunodepressi, non si reinfettano facilmente (sempre avendo comunque effettuato la vaccinazione prevista post malattia)”.

Quali dunque le prospettive per le prossime settimane? “Risposta difficile, abbiamo ricoverato prevalentemente persone non vaccinate, e per quanto ne rimangano ancora parecchie in circolazione penso che questa ondata tenderà nei prossimi mesi ad attenuarsi diminuendo così la pressione sugli ospedali. Rimarranno ancora le infezioni di soggetti vaccinati ma saranno senza forme gravi, gestibili quindi a domicilio dai medici curanti o dai GSAT o a livello ospedaliero in Day Hospital. Per le cure: la somministrazione di anticorpi monoclonali si sta rivelando utilissima ed efficace nel prevenire una infezione grave”, conclude Anselmo.

leggi anche
Vaccinazione Covid bambini ad Alassio
Bollettino sanitario
Covid, è di nuovo record di contagi: 1.781 in un giorno. Altre persone ricoverate in terapia intensiva

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.