Passaggio di consegne

Cessione Schneider, prosegue la trattativa. I sindacati insistono: “Timeline precisa del piano industriale”

Si svolgerà ancora un incontro tra i sindacati e le aziende per definire ulteriormente nei dettagli le condizioni del passaggio

Il corteo dei lavoratori di Schneider
Il corteo dei lavoratori dello stabilimento Schneider a Cairo Montenotte

Cairo Montenotte. In merito al piano industriale è stato presentato un dettaglio delle attività in cui verranno impiegati i 6 milioni di investimento che saranno concentrati in larghissima parte dal 2023 quando sarà realizzato il nuovo sito produttivo, rispetto a cui Semar si sta muovendo per verificare le disponibilità nelle zone limitrofe all’attuale sito di Cairo. E’ quanto emerge dal terzo incontro che si è svolto nella sede di Unione Industriali tra le organizzazioni sindacali e i rappresentanti delle aziende coinvolte nel passaggio di gestione, Schneider e Semar.

Disponibilità da parte di Semar sul possibile acquisto del nuovo stabilimentose ci fossero le condizioni“. “L’acquisto – commentano i sindacati – sarebbe la dimostrazione di come l’azienda intenda radicarsi sul territorio”. Per quanto riguarda il piano industrale e i livelli occupazionali i sindacati hanno richiesto una timeline più precisa con indicazione temporale degli investimenti e delle 20 assunzioni prospettate nell’area commerciale e nelle altre funzioni ad oggi non presenti in stabilimento.

In particolare, le garanzie che vengono chieste per i lavoratori, si concentrano sui contratti di somministrazione e sul tema della contrattazione di secondo livello. “Il recepimento delle condizioni economiche e normative che dipendono dagli accordi di secondo livello oggi applicati da Schneider è una condizione molto rilevante in questa trattativa“, spiegano i sindacati.

Collaborazione piena da parte dei sindacati nella concertazione con l’azienda: “Vogliamo lavorare – spiega Andrea Mandraccia, segretario provinciale della Fiom -per creare le condizioni affinché questa scelta industriale abbia successo, ed in questo anche l’impegno delle Istituzioni é fondamentale perché le lavoratrici ed i lavoratori hanno bisogno di risposte il prima possibile”.

In attesa di questo appuntamento i sindacati avevano manifestato la loro apprensione per le garanzie occupazioali e per i dettagli del piano industriale, già illustrato solo per sommi capi era nell’incontro del 5 novembre.

Schneider aveva annunciato a fine settembre di voler rinunciare allo stabilimento dell’entroterra savonese e cederlo alla Semar Srl (fornitrice della stessa Schneider) di Castelfidardo a Rimini. La comunicazione aveva messo immediatamente in allarme i sindacati preoccupati dal licenziamento dei lavoratori e di un calo, quindi, dei livelli occupazionali (ad oggi sono 130 i dipendenti impiegati.

Nelle settimane scorse per protestare contro la decisione dell’azienda i lavoratori avevano formato un picchetto volontario davanti alla sede valbormimdese e si è tenuto uno sciopero indetto dai sindacati con un corteo che ha attraversato la città di Cairo Montenotte

leggi anche
Schneider electric protesta
Percorso
Cessione Schneider, i sindacati chiedono: “Garanzie per i lavoratori e dettaglio degli investimenti”
Schneider electric protesta
Iter
Schneider, avviato l’iter per la vendita a Semar. I sindacati chiedono: “Acquisto del sito”
Incontro Schneider
Incontro
Stabilimento Schneider a Semar, i sindacati: “Possibile incremento del personale. Dubbi su sede e cessione”
Marco Russo Savona
Solidarietà
Schneider, Russo: “Da Savona un’alleanza tra comuni che ci renda più forti e pronti per uno sviluppo integrato”
Il corteo dei lavoratori di Schneider
Stato di agitazione
Schneider, i lavoratori sfilano in centro a Cairo: “Cessione problema dell’intero territorio”
Schneider cairo
Mobilitazione
Schneider rinuncia allo stabilimento di Cairo: a rischio 130 lavoratori
Schneider electric protesta
Terzo incontro
Cessione Schneider, formalizzata l’ipotesi di piano industriale: investimento da 6 milioni di euro e 20 assunzioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.