Chiarezza

Ata, Cisl: “Soddisfatti per l’accordo sull’occupazione, ma perplessità sull’utilizzo distorto delle cooperative”

"Importante definire i lavori direttamente gestiti dall’azienda e quelli affidati all’esterno per evitare di disperdere opportunità occupazionali e pericolosi casi di dumping contrattuale"

Bidoni spazzatura Savona

Savona. Ancora perplessità dei sindacati riguardo il caso Ata. Dopo aver espresso la propria soddisfazione in merito all’accordo trovato sull’occupazione, secondo la Cisl rimane un nodo da sciogliere, ovvero quello riguardante il corretto utilizzo del lavoro in cooperativa nell’ambito del perimetro aziendale ATA.

“Da mesi le organizzazioni sindacali chiedono con insistenza una fotografia dettagliata sulle cooperative che collaborano con ATA, sui lavori alle stesse affidati nonché sui contratti applicati senza però aver ancora ricevuto risposte in merito”, dicono dalla Cisl.

“Nell’ultimo accordo – spiegano – si è, infatti, definito l’applicazione ed il rispetto del contratto dell’igiene urbana per tutto il personale che direttamente o indirettamente lavora per ATA. Su questo punto la Cisl chiede chiarezza in quanto, anche in previsione della creazione della nuova New.co. e della nuova organizzazione, è importante definire con chiarezza i lavori direttamente gestiti dall’azienda e quelli affidati all’esterno per evitare di disperdere opportunità occupazionali e di business nonché per evitare pericolosi casi di dumping contrattuale e differenziazioni di trattamento economico e normativo tra lavoratori”.

“Su questi aspetti la Cisl, con la perseveranza dimostrata in questi anni, intende vigilare e ripropone la richiesta di chiarimenti e di confronto già palesata nei mesi scorsi nella convinzione che, con il senso di responsabilità di tutti, si possa individuare una soluzione anche su questo tema in tempi ragionevoli”, concludono dal sindacato.

Nei giorni scorsi, intanto, è partita la pulizia straordinaria della città che durerà fino alle festività natalizie, tutti i giovedì e i venerdì delle prossime settimane. Oltre a questo, nell’accordo sono stati previsti la definizione della graduatoria degli aspiranti dipendenti, l’assunzione immediata di 35 lavoratori a tempo indeterminato e 15 a tempo determinato e il graduale adeguamento del parco mezzi.

L’annuncio della decisione assunta dal sindaco di Savona Marco Russo aveva scatenato fin da subito le polemiche dell’opposizione, anche in consiglio comunale dopo la presentazione da parte dell’assessore al bilancio Silvio Auxilia dei costi (70 mila euro). Invece, i sindacati, dopo un primo momento in cui sono stati molto critici verso l’amministrazione comunale, hanno accolto favorevolmente l’iniziativa.

leggi anche
Pulizia straordinaria Savona
Work in progress
Prosegue la pulizia straordinaria di Savona, spazzamento a Legino e lavaggio del centro
Spazzatura Savona bidoni Savona
Com'è andata
Al via la pulizia straordinaria di Savona, ritiro degli ingombranti in tutta la città e spazzamento della zona a ponente
Spazzatura Savona bidoni Savona
Piano
Savona, domani parte la pulizia straordinaria: assunti 15 lavoratori a tempo determinato e altri 35 stabilizzati
Bidoni spazzatura Savona
Opposizione
Savona, pulizia straordinaria entro Natale. I sindacati contro: “I lavoratori non faranno nessun lavoro extra”
Bidoni spazzatura Savona
Numeri
La pulizia straordinaria di Savona costa 70 mila euro, altri 200 mila per il conferimento rifiuti in discarica

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.