Vandali

Savona, croci celtiche e la scritta “Ebrei” in tedesco sulla serranda di un negozio di via Pia fotogallery

L'indignazione del sindaco Marco Russo: "Un atto intollerabile e inquietante"

Savona. Atto vandalico nella notte ai danni di un negozio di via Pia. Autori potrebbero essere esponenti di estrema destra: questa mattina infatti, alcuni passanti hanno visto sui vetri e sulla serranda di un restauratore di mobili antichi due grandi croci celtiche e la scritta “Juden”, la parola che in tedesco significa “ebrei”.

Un gesto assurdo e inspiegabile (anche perché la titolare del negozio non ha origini ebree), che sta ovviamente scatenando l’indignazione dei savonesi. “Esprimo anche a nome della giunta e della intera città il più forte senso di solidarietà al proprietario del negozio danneggiato – fa sapere il sindaco Marco Russo – E’ un atto intollerabile e inquietante non solo perché si tratta di vandalismo che danneggia gratuitamente un esercizio commerciale del cuore della nostra città, ma soprattutto perché evidenzia la presenza di un pensiero che offende la cultura democratica, antifascista e antirazzista di Savona. Dobbiamo essere tutti insieme vigili affinché questi atti non si ripetano”.

Sull’accaduto indaga la polizia di Stato, che ora sta vagliando le immagini delle telecamere della zona.

LE REAZIONI: CONDANNA BIPARTISAN

“Un gesto intollerabile, non certo solo di idiozia – commenta il presidente del consiglio comunale, Franco Lirosi – Menti squilibrate di persone indegne di una città civile e medaglia d’oro alla resistenza, pericolose per la democrazia e la civiltà. Speriamo possano essere identificate e punite”.

Durissimo anche il Partito Democratico: “Anche a Savona le intollerabili idee nazi-fascite, che da tempo pervadono l’intero territorio italiano, cercano di avere visibilità, proprio nel giorno in cui a Savona si svolge una grande manifestazione sportiva. Non un semplice gesto di vandalismo ma una azione politica fatta contro la nostra città medaglia d’oro alla residenza”.

Al coro di condanna si unisce Maurizio Scaramuzza, capogruppo della Lega in consiglio comunale: “Le immagini del negozio di via Pia imbrattato con scritte antisemite mettono i brividi e devono far riflettere. Un atto increscioso che non dovrà più ripetersi. Quella che doveva essere una giornata di festa per lo sport savonese con la Half Marathon, è diventata purtroppo un brutto esempio per la comunità. Esprimo solidarietà ai titolari dell’esercizio commerciale, vittime di questo ignobile atto vandalico”.

“Tutta la comunità antifascista savonese e la Città di Savona (Medaglia d’Oro al Valor Militare) condanna in maniera unanime questo vile gesto di matrice neofascista – scrive Simone Falco, presidente della sezione Aned Savona e Imperia – Inoltre chiede a tutti i partiti che si riconoscono nei valori dell’antifascismo di condannare in maniera altrettanto unanime. Queste scritte razziste e di matrice neofascista sono il frutto della politica d’odio scatenata sui social dal miscuglio di no-vax e di neo fascisti che, a seguito dell’assalto della Cgil, continua ad insultare la Memoria dei morti della resistenza e dei deportati che dai lager nazisti non hanno fatto più ritorno, e che morendo nelle camere a gas, con il loro sacrificio hanno riconquistato la libertà perduta devastata dal nazifascismo. Inoltre chiediamo, come già fatto dalle associazioni della resistenza a livello nazionale lo scorso 22 novembre dal Forum delle Associazioni della Resistenza, che il Governo sciolga definitiva i movimenti di estrema destra”.

ITALIA-ISRAELE: “La storia che si ripete e l’ignoranza che prospera”

“Apprendiamo dell’imbrattamento questa notte di alcune saracinesche di negozi di via Pia a Savona con la scritta ‘Juden’, di tristissima memoria – scrive l’associazione Italia-Israele – L’antisemitismo è figlio di profonda ignoranza ed è purtroppo trasversale in ogni schieramento politico. Il solo gesto dell’imbrattamento denota un’enorme dose di stupidità, grettezza , maleducazione e mancanza di rispetto per il prossimo, tipico delle menti limitate. Purtroppo, anche le recenti ondate del complottismo insulso e infondato contribuiscono alle recidive di quel pregiudizio e di quell’odio razziale che ha portato nella storia dell’umanità a disumane tragedie. Le teorie del complotto che hanno avuto gli Ebrei come bersaglio hanno cavalcato i secoli e i continenti. Non siamo ancora guariti? Tanta solidarietà agli esercenti savonesi che hanno trovato questa amara sorpresa”.

“Sempre più urgente l’implementazione della definizione operativa di antisemitismo dell’Alleanza Internazionale per la Memoria dell’Olocausto (IHRA) , adottata nel gennaio 2020 dalla Regione Liguria e quest’anno dall’Ordine degli Avvocati di Savona, con inziativa di grande civiltà, cultura e progresso con cui si sono accolte anche le raccomandazioni del Parlamento Europeo e del Consiglio d’Europa”.

Plaudiamo alla recentissima predisposizione, da parte dell’Osservatorio contro l’antisemitismo presso la Presidenza del Condsiglio dei Ministri presieduto dalla dott.ssa Milena Santerini insieme ai delegati italiani dell’Allenza Internazionale per la Memoria dell’Olocausto delle Linee Guida sul contrasto dell’antisemitismo nelle scuole, perchè solo combattendo l’ignoranza e la mancanza di cultura si combatte l’antisemitismo. Chiediamo fortemente a tutti gli istituti scolastici della provincia di farne tesoro, appena saranno rilasciate ufficialmente, Così come chiediamo ancora a tutte le istituzioni e gli enti della società civile di adottare la definizione operativa di antisemitismo dell’IHRA.

“Invito a evitare strumentalizzazioni e opportunismi politici perchè, ripeto, ci scontriamo ogni giorno con forme di vecchio e nuovo antisemitismo a destra e sinistra e centro. La strumentalizzazine politica soffia sul fuoco di quello che si dichiara di voler combattere. La lotta all’antisemitismo non é appannaggio di nessuno ma dovere della coscienza di ciascuno – dice Cristina Franco presidente dell’Associazione Italia Israele di Savona – Condannare tout court non serve se non ci si prodiga ogni giorno per informare, comunicare, conoscere ed educare”.

Più informazioni
leggi anche
croci celtiche atto vandalico via pia
Atto vile
Croci celtiche e la scritta “Ebrei” in tedesco su un negozio di via Pia, Anpi Savona: “Non arretriamo di un passo”
croci celtiche atto vandalico via pia
Condanna
Scritte antisemite su un negozio di via Pia a Savona, Cgil: “Atto ignobile, l’unico antidoto alle derive fasciste è l’integrazione”
croci celtiche atto vandalico via pia
Condanna
Scritte antisemite in centro, le reazioni del mondo politico: “Sfregio all’intera Savona”
croci celtiche atto vandalico via pia
Antifascismo e antirazzismo
Savona, croci celtiche e scritta “Ebrei” in tedesco in via Pia: organizzato presidio in piazza Mameli
Antifacismo presidio piazza Mameli
In piazza mameli
“Juden” e croci celtiche sulle vetrine di un negozio, presidio a Savona: “Sfregio intollerabile”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.