Criticità

Sanità, Tosi (M5s): “In Liguria ancora sguarnita di test genomici sulla chemioterapia”

"Permettono la personalizzazione delle cure, iter che è alla base dell'evoluzione dell'oncologia"

esame medico generica

Liguria. “In molte regioni italiane, sono disponibili i test genomici che permettono di individuare i casi in cui la chemioterapia è davvero indispensabile o meno. In Liguria invece no, nonostante sia passato un anno dall’istituzione del fondo da 20 milioni annui destinati al rimborso di test genomici per il carcinoma mammario ormono-responsivo in stadio precoce. Perché?”.

Lo chiede il capogruppo regionale del M5S Fabio Tosi, che in merito ha depositato un’interrogazione a risposta immediata.

“I test genomici permettono la personalizzazione delle cure, iter che è alla base dell’evoluzione dell’oncologia degli ultimi anni”.

“Temo che la narrazione di una sanità ligure in modalità “Restart” faccia purtroppo acqua da tutte le parti: questa in particolare di non garantire alle liguri colpite da tumore al seno la possibilità di sottrarsi alla somministrazione di farmaci inutili o controproducenti, quando basterebbe un test specifico, è a nostro parere un fatto gravissimo”.

“L’assessore competente trovi il tempo di venire in Aula per rispondere nel merito o, meglio ancora, renda i test disponibili nel più breve tempo possibile” conclude Tosi.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.