Il caso

Polemica sui vaccini, Sansa: “I dati non tornano”. Regione risponde: “Nessuna discrepanza”

"Alisa, ad esempio, non conta come vaccinati a ciclo completo quelli con Johnson & Johnson e quelli guariti e vaccinati con una dose"

Generica

Liguria. “Dal canale Telegram del presidente Toti apprendiamo che alla data di ieri il 79.6% dei cittadini liguri ha completato il ciclo vaccinale. Sempre dalla stessa fonte (e dalla stessa grafica) abbiamo però notato che il 3 novembre la percentuale era dell’80.08%. Con la campagna vaccinale che procede quotidianamente, com’è possibile arretrare in 22 giorni? Errori di calcolo o forse siamo diventati “primi in Italia” anche per cittadini svaccinati?”.

A scriverlo, in un post su Facebook con tanto di prova fotografica, è Ferruccio Sansa, capo dell’opposizione in consiglio regionale. La sua domanda è relativa ad alcuni conti che non tornano, una piccola – ma non piccolissima – discrepanza sulla percentuale dei liguri che hanno effettuato il ciclo completo di vaccinazione contro il Covid. Abbiamo oppure no superato la quota dell’80%? E perché le due infografiche presentano dati differenti?

La risposta di Regione Liguria non tarda ad arrivare, non a mezzo social ma con un comunicato stampa. Il cui titolo è “Nessuna discrepanza”. Tuttavia di discrepanza si tratta, anche se non deriva da un mero errore materiale bensì – si evince dal comunicato – da un diverso sistema di calcolo da parte dei due enti che si occupano di monitorare l’andamento della campagna vaccinale, Alisa – l’agenzia sanitaria regionale – e Liguria Digitale, il braccio informatico della Regione.

Generico novembre 2021

In che modo lo spiega la stessa Regione Liguria. “Secondo i dati forniti da Liguria Digitale la dose unica Johnson&Johnson (somministrata a più di 32 mila liguri) viene conteggiata nel ciclo completo, facendo alzare di qualche punto rispetto ad Alisa la percentuale di questa fascia (che per Liguria Digitale infatti oggi si attesta a 82,31%). Alisa inserisce invece i vaccinati con Johnson&Johnson tra quelli che hanno effettuato la prima dose“.

“Allo stesso modo Alisa – si legge ancora nella nota – conteggia tra i vaccinati con prima dose e non con ciclo completo i liguri guariti dal Covid e che quindi, secondo indicazioni ministeriali, hanno ricevuto una dose unica e non devono ricevere la seconda”.

“In ogni caso, a prescindere dal parametro utilizzato, la Liguria resta, così come ha riportato ieri anche Gimbe, sopra la media nazionale dei vaccinati con ciclo completo”, conclude la nota che, se non altro, ha aiutato a fare chiarezza sui numeri a volte poco chiari, anche quelli ufficiali, relativi alla campagna di vaccinazione in Liguria.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.