Motivazione

Durante la pandemia si è preso cura di una 12enne e della madre: onorificenza per un comandante della polizia locale

E' stata consegnata Vincenzo Pellitteri, comandante a Villanova d'Albenga: "Essere vicini alla comunità"

Villanova d’Albenga. C’è la lettera di una ragazzina di 12 anni, scritta al sindaco Pietro Balestra, alla base della onorificenza al merito di Ufficiale della Repubblica Italiana consegnata, pochi giorni fa, al comandante della polizia locale di Villanova d’Albenga, Vincenzo Pellitteri. Lo hanno rivelato le motivazioni lette dal cerimoniere, alla presenza del prefetto Antonino Cananà nel corso della consegna ufficiale avvenuta a Savona. Lo conferma il sindaco Balestra.

“Eravamo nel pieno della pandemia. Ho ricevuto la letterina, scritta a mano da una dodicenne che ringraziava il Comandante della Polizia Locale che si sera preso cura di lei e della mamma, isolati in casa, facendosi carico delle incombenze quotidiane nel lungo periodo in cui il papà era ricoverato in ospedale, gravemente colpito dal Covid. Ho comunicato l’episodio alla Prefettura che aveva chiesto di segnalare cittadini che si fossero particolarmente distinti nel corso della pandemia per impegno e servigio al prossimo”.

Vincenzo Pellitteri, già Cavaliere della Repubblica dal 2010, da 25 anni in servizio a Villanova d’Albenga, non nasconde la soddisfazione per aver ricevuto il riconoscimento dal Prefetto e dal Presidente Vicario del Tribunale di Savona, Fiorenza Giorgi, ma anche l’emozione nel pensare ai momenti dell’emergenza sanitaria più acuta.

onorificenza comandante villanova

“È una soddisfazione immensa, non un punto di arrivo, ma uno sprone a lavorare con maggiore impegno – dice Pellitteri – Erano giorni di assistenza quotidiana ai cittadini. È stato naturale prendermi cura di quella famiglia, in isolamento, aiutarla nelle incombenze in cui erano impossibilitati”.

“Essere comandante della polizia locale di un piccolo comune come Villanova d’Albenga, concede il privilegio di maggiore vicinanza ai cittadini e alle loro esigenze, ma di solito solo relativamente ai servizi che fornisce il Comune”.

“La pandemia, mi ha coinvolto umanamente e professionalmente e mi ha permesso di essere d’aiuto in situazioni particolari. Ringrazio il sindaco Pietro Balestra e l’Amministrazione per aver segnalato questo episodio che mi onora possa andare a far parte della tradizione di grande solidarietà che caratterizza da sempre la comunità di Villanova d’Albenga” conclude.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.