Risorse

Consiglio regionale, via libera alle variazioni di bilancio con i fondi Pnrr: oltre 27mln nel piano 2021-2023

Approvato anche il Bilancio Consolidato per l'esercizio 2020

Generica

Liguria. Con 17 voti a favore (maggioranza) e 10 astenuti è stato approvato il Disegno di legge n. 97: “Ratifica delle variazioni di bilancio adottate dalla giunta regionale in deroga all’articolo 51 del decreto legislativo n.118 del 23 giugno 2011”.

Oltre alla ratifica di una variazione di bilancio, approvata dalla giunta regionale nel mese di ottobre, il provvedimento contiene altre variazioni sul bilancio 2021-2023, più precisamente un aumento di 16,1 milioni per l’anno 2021, un aumento per 5,4 milioni per l’anno 2022 mentre per l’anno finanziario 2023 è previsto un aumento per 6,2 milioni.

In particolare si tratta dell’iscrizione a bilancio di fondi Pnrr e di un fondo complementare finalizzati alla digitalizzazione, il monitoraggio e la perfomance-assistenza tecnica (9,6 milioni per il 2021), per rinnovo di flotte di bus e treni verdi (5,4 milioni nel 2022 e 6,2 milioni nel 2023), di altri 3,5 milioni di fondi statali destinati al settore del trasporto pubblico locale e regionale per compensare i mancati ricavi per l’emergenza epidemiologica e, infine, di 0,6 milioni per fondi vincolati in ambito sanitario.

Dunque 9,6mln di euro per assumere personale a tempo determinato che si occuperà di snellire la macchina amministrativa per l’occupazione del Pnrr e rafforzare la capacità amministrativa, in particolare a livello locale, per l’attuazione di specifici progetti, e da impiegare in base alle necessità. Ancora non è chiaro, però, quante assunzioni potrà fare la Liguria.

Lilli Lauro (Cambiamo con Toti presidente), presidente della I Commissione Affari Generali, Istituzionali e Bilancio, ha illustrato la relazione di minoranza in cui ha ricordato che, a seguito dell’emergenza Covid, il legislatore nazionale ha introdotto la possibilità di adottare variazioni di bilancio e ha spiegato che la competenza dello stato di previsione dell’entrata è incrementato di 13 milioni. Lauro ha illustrato, in particolare, che si tratta di variazioni di natura vincolata e ne ha spiegato le diverse missioni auspicando il massimo consenso possibile.

Luca Garibaldi (Pd-Articolo Uno) ha espresso perplessità sul provvedimento. Ha espresso apprezzamento circa l’incremento dei fondi per il settore della non autosufficienza, ma ha lamentato il mancato coinvolgimento, rispetto ai fondi per il Pnrr, della competente commissione consiliare.

Con 17 voti a favore (maggioranza) e 11 contrari è stata approvata la Proposta di deliberazione 859 “Approvazione Bilancio Consolidato della Regione Liguria – esercizio 2020″. Si tratta di un adempimento previsto dal decreto legislativo 118 del 23 giugno 2011 sull’armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni e degli Enti locali e rappresenta lo strumento informativo primario di dati patrimoniali, economici e finanziari del “Gruppo Regione”, inteso come un’unica entità economica, distinta dalle singole società o enti componenti il gruppo, che assolve a funzioni essenziali di informazione, sia interna che esterna, funzioni che non possono essere assolte dai bilanci separati degli enti e società che compongono il “gruppo”.

Il Bilancio consolidato, oltre a essere uno strumento a salvaguardia degli equilibri di bilancio, tende a garantire la corrispondenza tra poste creditorie e debitorie degli enti che fanno parte del gruppo stesso e quello approvato questa mattina è il quinto bilancio consolidato della Regione. Il Patrimonio Netto consolidato ammonta a 651 milioni e 852 mila, il risultato di esercizio della gestione consolidata 2020 presenta un incremento in quanto è passato dai 150 milioni e 341 mila euro del 2019 a 156 milioni e 448 mila euro del 2020.

Luca Garibaldi (Pd-Articolo Uno) e Gianni Pastorino (Linea Condivisa) sono intervenuti per annunciare voto contrario.

“Credo fortemente che le variazioni di bilancio che sono state approvate durante la seduta del Consiglio regionale di oggi vadano nella giusta direzione e, oltre a essere rispondenti di molte richieste che sono pervenute dal territorio, contribuiscano a disegnare una regione più moderna, fruibile e a misura di cittadino – afferma Lilli Lauro, presidente della I Commissione Affari generali istituzionali e Bilancio – Il prodotto del nostro lavoro in sede di Commissione è il frutto dell’attento ascolto delle esigenze della nostra terra che ogni consigliere ha il dovere di provare a soddisfare. Mi ritengo profondamente gratificata dal risultato raggiunto e voglio aggiungere che la strada che abbiamo imboccato è quella giusta e quindi possiamo e dobbiamo continuare a percorrerla”.

“Come gruppo consiliare vogliamo esprimere tutta la nostra soddisfazione per l’approvazione delle variazioni di bilancio che è arrivata in sede di voto durante la seduta del Consiglio regionale – dichiarano i consiglieri della Lista Toti Liguria – Riteniamo che ancora una volta sia stato portato a compimento un lavoro di fondamentale importanza per il nostro territorio e per i tutti i cittadini liguri e per questo ringraziamo i consiglieri che hanno operato nella giusta direzione e in particolare la consigliera Lilli Lauro, in qualità di presidente della I Commissione Affari generali istituzionali e Bilancio, che ha coordinato i lavori”.

“A seguito della situazione di emergenza pandemica che tutti conosciamo, il Governo centrale ha introdotto la possibilità, per gli Enti Locali, di adottare variazioni di bilancio, opportunamente motivate, per fornire al territorio i servizi migliori, rimodulati in maniera specifica sulle esigenze più attuali – dicono ancora i consiglieri arancioni in Consiglio regionale – Le variazioni sono parecchie, variegate per ambito e riguardano le voci in entrata e le voci di spesa. Si è tenuto conto delle esigenze di tutti, cercando di distribuire i fondi derivanti dal PNRR nella maniera migliore possibile e con la ferma intenzione di aiutare il maggior numero possibile di categorie”.

“Queste modifiche guardano al futuro e puntano a disegnare una Liguria sempre più competitiva e migliore – concludono i consiglieri della Lista Toti Liguria – Dal trasporto pubblico locale e regionale, con il rinnovo delle flotte bus e treni verdi, sino ad arrivare all’ambito sanitario, all’interno del quale si è fortemente voluto avere un particolare riguardo per le fasce più deboli della popolazione, sia dal punto di vista della salute, che da quello economico; sono tante le diverse attenzioni che abbiamo voluto dare alla nostra Liguria. L’intento, ovviamente, è quello di non fermarsi qui e continuare in questa direzione per fare sì che nessuno, nella regione che stiamo costruendo, venga lasciato indietro”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.