Giovani promesse

Calcio. Prima Categoria. Il Pontelungo trova il suo bomber nel giovane Nardi: “Felice di essere qui”

Generico novembre 2021

Nove punti in tre partite, 13 gol fatti e soltanto 3 subiti.

Statistiche sorridono alla partenza del Pontelungo, primo a pari merito con Carcarese e Aurora.

Un mix tra esperienza e spensieratezza giovanile quella degli ingauni che, nel reparto offensivo, possono contare su un promettente giocatore classe 2002, scuola Savona: Carlo Nardi, la scorsa stagione esordiente in Eccellenza con la maglia dell’Albenga.

Rimasto in zona ma in una categoria diversa, Carlo, con l’età dalla sua parte, vanta già di due reti in tre partite (una contro l’Altarese, l’altra contro l’Oneglia).

Il giovane attaccante ha risposto così alle domande poste:

1) Carlo, una nuova esperienza per te. Come sono stati questi tuoi primi mesi?

“Questi primi mesi direi che sono ottimi, tralasciando i risultati di squadra fin ad ora tutti positivi. Con il gruppo mi sono inserito subito: sono ragazzi fantastici che non ti mettono mai in disparte. Quindi mi trovo molto bene con loro e sono felice di essere qui”.

2) E per quanto riguarda questa categoria?

“Devo essere sincero, questa categoria non è facile da giocare come sembra: gli spazi che ti lasciano gli avversari sono diversi e molto ristretti però, tutto sommato, mi ci trovo bene e per adesso non ci sono state grandi difficoltà”.

3) Come vedi il cammino del Pontelungo in questa stagione? Che obiettivi ci sono?

“Noi vogliamo puntare in alto e penso che come squadra possiamo raggiungere questo obiettivo. Ovviamente non siamo gli unici: ci sono anche altre squadre che meritano di stare in cima alla classifica e, appunto per questo, la nostra sfida più difficile sarà affrontarle nella maniera giusta e portare a casa punti fondamentali per raggiungere il nostro traguardo”.

4) Settore giovanile del Savona, esperienza all’Albenga. Quali sono invece gli obiettivi di Carlo Nardi?

“I miei obbiettivi di quest’anno sono molto semplici: fare bene individualmente e aiutare la squadra il più possibile in modo da raggiungere quanto detto prima”.

 

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.