Risposta

Brunetto replica a Roberto Tomatis: “Trasferire medici di urgenza da Dea di II livello di Pietra a Ppi di Albenga è idea demenziale”

"E mi pare non abbia nemmeno chiaro quale sia il ruolo di un assessore regionale né quello del presidente di una commissione regionale"

Brunello Brunetto Santa Corona

Albenga. “Roberto Tomatis ha detto un cumulo di banalità. E la soluzione che propone per risolvere i problemi del Ppi di Albenga è a dir poco demenziale”. Non si è fatta attendere la replica del consigliere regionale e presidente della seconda commissione sanità Brunello Brunetto alle affermazioni del consigliere comunale di Fratelli d’Italia ad Albenga Roberto Tomatis rispetto alla funzionalità del punto di primo intervento del Santa Maria di Misericordia.

In una nota diramata questa mattina, Tomatis aveva “punto” Brunetto: “Mentre il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti sta lavorando per trovare una soluzione per il PPI notiamo la totale assenza del presidente della commissione sanità Brunello Brunetto (Lega) a fronte di una criticità che riguarda l’ospedale di Albenga”. E per risolvere i problemi del Ppi ingauno aveva poi proposto di “rimodulare il pronto soccorso di Pietra Ligure e attingere i medici dal reparto di medicina di urgenza del Santa Corona da inviare ad Albenga per garantire l’attività del Ppi potrebbe essere una soluzione che alcuni medici del ponente sostengono per evitare la chiusura del servizio”.

La replica di Brunetto è arrivata a stretto giro: “Dopo aver letto le esternazioni del consigliere Tomatis mi sono domandato se avesse senso rispondere o meno – afferma il medico loanese – Ho deciso di farlo, e solo una volta, perché Tomatis dice un cumulo di banalità. E mi pare non abbia nemmeno chiaro quale sia il ruolo di un assessore regionale né quello di presidente di una commissione regionale. Visto il suo ruolo di consigliere comunale e di capogruppo, trovo che questa lacuna sia piuttosto preoccupante”.

“Per risolvere i problemi del Ppi di Albenga Tomatis avanza una proposta che lui stesso definisce ‘valida’ ma che a me sembra a dir poco demenziale. Il consigliere propone di ‘rimodulare’ il pronto soccorso di Pietra Ligure (e io vorrei sapere cosa intende per rimodulazione: se parla di un aumento del personale, la sua proposta va in controtendenza con la situazione attuale, ma se parla di aumento di lavoro allora è ancora peggio) e di attingere da lì il personale necessario a far funzionare il Ppi di Albenga. Quindi Tomatis propone di trasferire i medici di medicina d’urgenza che operano in un ospedale Dea di II livello e sede di Trauma Center all’interno di un punto di primo intervento. Demenziale, a dir poco”.

“Vista la genialità di questa idea, mi permette di suggerire all’assessore alla sanità e presidente di Regione Giovanni Toti, al Dg di Asl2 Marco Damonte Prioli e al facente funzioni di direttore di struttura complessa del pronto soccorso di Pietra e del Ppi di Albenga Luca Corti di assumere Tomatis e inserirlo nei loro staff – aggiunge Brunetto – Mi chiedo poi che problemi abbia il consigliere comunale nei miei confronti: se c’è una persona che è sempre stata vicina al Santa Corona e al Santa Maria di Misericordia penso di essere proprio io. Ogni ruolo ha le proprie caratteristiche. C’è un assessore, un direttore generale e un direttore di struttura complessa. Mi chiedo un presidente di commissione come possa intervenire. Spero che Tomatis me lo vorrà spiegare”.

In ultimo, Brunetto aggiunge: “Il gruppo regionale della Lega ha chiesto al presidente Toti una riunione di maggioranza a tema sanità. Questa si terrà il 12 novembre alle 18. In quella sede parleremo di tutte le questioni riguardanti la sanità della Liguria”.

leggi anche
ospedale di albenga
Monito
Ospedale Albenga, Porro e Calleri (Lega): “Pronti a scendere in piazza in caso di chiusura Ppi”
Toti sanità ospedali
"quasi amici"
La sanità “spina” per Toti, Lega chiede un confronto e filtrano malumori: “Troppi proclami non attuabili”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.