I dati

Albenga, Tomatis (Fdi): “L’Ufficio tutela ambiente depotenziato, Amministrazione lontana dalle politiche green”

"Necessario ripristinare il personale con un numero adeguato di agenti e soprattutto individuare una figura che possa gestirlo"

Roberto Tomatis - consigliere PdL Albenga

Albenga. “L’Ufficio tutela ambiente, sezione che appartiene alla polizia municipale, non solo è stato depotenziato, ma non è in grado di occuparsi della mole di lavoro e delle incombenze tra segnalazioni, verifiche documentali e ispezioni che gravano sul territorio”. A dirlo, dopo aver analizzato i dati degli ultimi tre anni di attività (dal 2018 al 2020), è Roberto Tomatis, capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale.

Secondo il consigliere il motivo è da imputare all’amministrazione comunale che “dimostra ancora una volta di avere una scarsa attenzione verso le politiche per la conservazione dell’ambiente”.

Una tesi, quella di Tomatis, sostenuta dai numeri. “Nel 2018 l’ispettore capo della polizia locale, che faceva parte dell’organico dell’Ufficio tutela del territorio, è andato in pensione e non è stato sostituito. Si è persa quindi una posizione organizzativa assegnata ad altra sezione. Senza quella figura l’attività si è drasticamente ridotta. Lo dicono i dati stessi. Nel 2018 sono stati elevati 121 verbali per le irregolarità nella raccolta differenziata, nel 2019 sono scesi a 71 e nel 2020 a 48. Ma c’è un altro dato che emerge e fa capire lo stato di emergenza di quell’ufficio fondamentale per Albenga. E’ quello relativo ai sopralluoghi e all’individuazione delle discariche abusive: siamo passati da 91 controlli nel 2018, 70 nel 2019 e 19 nel 2020. Anche in questo caso dunque c’è stata una brusca discesa che deve farci riflettere”.

“Nulla da contestare all’attività svolta dagli agenti di questo importante ufficio che è decisamente encomiabile, ma ovviamente ora si trova ad essere sotto organico e quindi incontra non poche difficoltà a gestire le pratiche”, spiega Tomatis.

Secondo il capogruppo, per risolvere il problema è necessario “ripristinare al più presto il nucleo dell’ufficio tutela del territorio con un numero adeguato di agenti e soprattutto individuando una posizione organizzativa che possa gestirlo per un controllo migliore e capillare del nostro territorio che si sa è molto vasto e richiede la massima conoscenza e competenza professionale per evitare danni all’ambiente”.

leggi anche
mauro vannucci - roberto tomatis
Ad albenga
Ufficio tutela ambiente, Vannucci a Tomatis: “Controlli intensificati grazie ai comitati di vicinato”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.