Richiesta

Albenga, Cambiamo al Comune: “E’ ora di mettere in sicurezza la strada Bastia-Cenesi”

"E' una strada assai trafficata oltre che dagli abitanti di Bastia e di Cenesi, anche dai residenti di Arnasco e Vendone, senza prendere in considerazione il traffico commerciale"

Albenga Cenesi

Albenga. Ancora una volta un mezzo pesante ha avuto un incidente ed ha causato problematiche alla circolazione in un tratto di strada che sembra oramai abbandonato dalle istituzioni.
Il manto stradale, oggetto di un intervento ‘elettorale’ di asfaltatura nel 2019, risulta essere stato dimenticato dal Comune probabilmente fino al 2024″. A dirlo è la sezione di Cambiamo di Albenga.

“Come abbiamo potuto notare durante il grande incendio di pochi mesi fa, questa arteria risulta essenziale, ma parallelamente sottodimensionata visto l’assiduo utilizzo commerciale e residenziale – continuano -. E’ una strada assai trafficata oltre che dagli abitanti di Bastia e di Cenesi (con un aumento importante durante il periodo estivo derivante dalle seconde case del Condominio Versolmar), anche dai residenti di Arnasco e Vendone, senza prendere in considerazione il traffico commerciale derivato dalle varie attività presenti soprattutto a Cenesi (discarica inerti, stoccaggio rifiuti)”.

“Visto che il Comune deve tutelare la sicurezza dei propri cittadini ma che dei non residenti che percorrono le proprie strade, considerando che il tratto più ammalorato risulta essere proprio quello di Albenga, si chiede di intervenire con urgenza per il ripristino del manto stradale oltre alla prosecuzione dell’ampliamento di tale arteria sempre più fondamentale. Restiamo fiduciosi – concludono – che il Comune accolga questa accorata richiesta non solo per il benessere e la sicurezza dei cittadini di Albenga, ma anche dei tanti abitanti dei comuni limitrofi che ogni giorno non si sentono sicuri sulle nostre strade cittadine”.

Più informazioni
leggi anche
Autuarticolato incastrato sul ponte
Incastrato
Autoarticolato in bilico sul ponte per Cenesi: intervento dei vigili del fuoco

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.