Liguria. Due giorni dopo la “tagliola” sul disegno di legge Zan contro l’omotransfobia, andata in scena in Senato, una “folla rainbow” composta da oltre 1500 persone è scesa in piazza De Ferrari a Genova. “Noi dobbiamo ogni giorno trovare il coraggio di fare coming out mentre chi è stato votato dai cittadini può permettersi di affossare una legge civile con voto segreto, è una vergogna!”, le parole di Ilaria Gibelli, del coordinamento Liguria Rainbow, organizzatore della manifestazione.

La chiamata arcobaleno ha riunito molte diverse anime della protesta, Arcigay, Liguria Rainbow, Arcilesbica, Agedo, e poi sindacati, partiti, associazioni, ma anche tantissimi semplici cittadini, soprattutto giovani ma non solo, che hanno deciso di manifestare la loro solidarietà nella battaglia per i diritti di genere e contro la violenza.

In molti si sono alternati con il megafono dal palco improvvisato davanti a palazzo Ducale. Tra gli interventi quello di Luisa Stagi, ricercatrice dell’Università di Genova. “Oggi abbiamo perso una battaglia ma il cambiamento è già in atto, le nuove generazioni si stanno preparando a cambiare le cose da dentro le istituzioni, è un fenomeno sociale inevitabile e già presente”, ha detto.

Federico Orecchia, presidente genovese di Arcigay, aggiunge: “Il nostro Paese non solo ha perso un’occasione per avanzare ma continua ad avvalorare pericolose derive ed estremismi di destra, ma noi non diventiamo invisibili solo perché ieri non si è approvata una legge, da oggi il nostro lavoro, le nostre rivendicazioni, la nostra presenza si allargano sempre di più”.

“Il 2021 doveva essere un anno rivoluzionario, dopo la tragedia del covid avremmo dovuto prendere il volo, invece siamo tornati nel medioevo – continua Ilaria Gibelli – ma noi oggi ci sentiamo più forti che mai, e finché ci sarà una sola persona indietro noi ci saremo e lotteremo”. E poi Mattia Piccinini che si rivolge ai senatori che hanno affossato la legge: “Voi continuerete ad avere paura, noi continueremo a dare il buon esempio, continueremo a essere liberi e a manifestare la nostra diversità, il nostro orientamento sessuale, la nostra libertà”.

Più informazioni
leggi anche
Generico ottobre 2021
Commento
Ddl Zan, Toti: “Serviva mediazione e non bandierine politiche, ma era un testo grottesco”
vescovo marino
Il commento
Ddl Zan, il vescovo di Savona: “Un errore slegare il genere dal corpo. Ma una legge che tuteli dalle violenze serve”
La marea arcobaleno invade De Ferrari: in 8mila al Liguria Pride (e arriva anche Bucci)
Pro e contro
Stop Ddl Zan, da che parte stanno i politici savonesi: per Ripamonti “giovani influenzati da Fedez e Ferragni”, per Vazio “la battaglia prosegue”
Incontro con il vescovo Borghetti - “San Francesco di Sales”
Meglio così
Ddl Zan affossato, il vescovo Borghetti: “Soddisfatto. A livello etico non condivisibile il testo attuale”
Savona, manifestazione contro l'affossamento del Ddl Zan
Manifestazione
In piazza Sisto per protestare contro lo stop al Ddl Zan: “Inaccettabile. Ma Savona non si arrende”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.