Sponda

Savona 2021, Carla Zanelli Pessino scrive a Russo: “Apprezzo il programma e priorità ad ascolto della città e dei quartieri”

La moglie dello storico sindaco Carlo Zanelli scrive al comitato elettorale. Il candidato sindaco: "Onorato dalle parole di una grande signora della politica"

Carlo Zanelli Carla Zanelli Pessino

Savona. “Il mio comitato elettorale ha ricevuto ieri, e con piacere inoltro alla vostra redazione, questa lettera di Carla Zanelli Pessino, moglie dello storico sindaco di Savona, Carlo Zanelli, grande amico del presidente Sandro Pertini”. Lo comunica Marco Russo, candidato sindaco di Savona per il centrosinistra.

“Sono molto onorato delle parole che una simile donna, grande signora della politica savonese, ha avuto nei miei riguardi e nei confronti del mio progetto per Savona”.

Di seguito il testo della lettera:

Mio marito Carlo Zanelli fu sindaco della nostra città dal 1968 al 1982, posso quindi dire di aver conosciuto nel corso della mia vita molti uomini politici, a cominciare da Sandro Pertini e, soprattutto, tutti i successori di Carlo a Palazzo Sisto nel ultimi 39 anni. Questa mattina ho avuto modo di incontrare a Savona il candidato sindaco Marco Russo insieme all’onorevole Enrico letta del Partito Democratico intenti a un incontro con la cittadinanza e per mostrare la città all’onorevole Letta.

Carlo Zanelli Sandro Pertini

Al di là della personale gentilezza e sensibilità di Marco Russo che ha trovato il tempo per salutare una non più giovane signora della politica savonese del tempo che fu, mi fa piacere cogliere l’occasione di questo casuale e fortuito incontro per esprimere il mio apprezzamento per il programma di Russo e per la bella squadra di candidati consiglieri che ha messo in campo, nella convinzione che Savona si potrà risollevare dalla crisi in cui è precipitata in questi ultimi anni mettendo al centro l’ascolto della città, dei quartieri, di tutte le forze produttive e dell’associazionismo. Carlo ebbe sempre molta attenzione per quest’ultimo importante universo, fu anche commissario del CONI e, oltre alla fede socialista, ci unì la sensibilità per l’associazionismo femminile, per la promozione e difesa dei diritti delle donne, ancora oggi troppe volte calpestati.

Firmato
Carla Zanelli Pessino

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.