Richiesta

Sat, Distilo: “Serve una rappresentante di Albenga nel consiglio amministrativo, siamo la seconda città del Savonese”

"Per far sentire la voce anche del nostro territorio. Necessaria inoltre un miglioramento del servizio"

diego distilo

Albenga. Un rappresentante di Albenga all’interno del consiglio di amministrazione di Sat. È questa la richiesta di Diego Distilo, presidente del consiglio comunale ingauno, che propone di modificare lo statuto.

“Albenga è la seconda città della provincia di Savona, tutti gli anni versa circa 6 milioni di euro a Sat per il servizio, ma non ha la possibilità di esprimere le attenzioni del territorio ingauno per mancanza di rappresentanza”, afferma.

Una richiesta che i due gruppi civici che rappresenta, “Aria nuova per Albenga” e “Solo per Albenga”, avevano già fatto da tempo. “I servizi per la gestione delle utenze del territorio devono essere interamente pubblici che sia sanità, rifiuti o ciclo integrato delle acque. I nostri piccoli gruppi civici già in campagna elettorale, ed oggi in amministrazione, avevano già dichiarato la posizione proponendo anche la costituzione di una società pubblica che possa essere il braccio operativo della pubblica amministrazione – racconta Distilo -. Sulla base di questo principio siamo pienamente d’accordo con quanto ha dichiarato il sindaco di Cisano Massimo Niero, nonché capogruppo in consiglio provinciale a riguardo della Sat”.

Inoltre, secondo Distilo, un altro problema è rappresentato dalla qualità del servizio che potrebbe essere migliorata. “In questi mesi abbiamo notato come Sat, giustamente e pienamente d’accordo, abbia acquisito i servizi anche di altri comuni. Dati importanti, immaginiamo, per il bilancio Sat che però devono anche tenere in considerazione che per dare un servizio migliore servirebbe probabilmente un incremento del personale operante poiché quello esistente, che svolge un ottimo lavoro, non riesce a garantire un servizio perfetto come potrebbe dare questa azienda pubblica”, sottolinea.

“Il cambio dello statuto pertanto da parte del nostro piccolo gruppo civico è ritenuto fondamentale e ci troviamo pienamente d’accordo, come già detto, con quanto espresso dal sindaco Niero in consiglio provinciale. Ora lasciamo la decisione a chi di competenza per valutare la voce del nostro territorio e per chiedere con fermezza il miglioramento del servizio intervenendo sugli aspetti di programmazione dello stesso”, conclude Distilo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.