Pensiamoci

Con la ministra carfagna

“Raddoppio Finale-Andora pronto nel 2029”, annuncio al vertice Liguria-Piemonte di Imperia

Lo ha detto il commissario Macello. Il presidente della Provincia Olivieri insiste per la Albenga-Carcare-Predosa

raddoppio ferroviario

Liguria. Si sono ritrovati a Imperia, per iniziativa del sindaco Claudio Scajola, la ministra per la coesione territoriale Mara Carfagna e i presidenti di Liguria, Giovanni Toti, e Piemonte, Alberto Cirio, assieme a un gruppo di tecnici qualificati.

Si è parlato di collegamenti, ovviamente, ma più in generale dei rapporti fra le due regioni, che sono buoni e possono fruttare iniziative a costo zero come quella che riguarda le scuole: il Piemonte potrebbe posticiparne di una settimana l’apertura per dare sette giorni in più di fiato al nostro turismo, favore restituito nel periodo invernale, spostando lo stop ligure delle lezioni nel periodo più adatto (verso Martedì Grasso) a favorire l’afflusso verso le stazioni sciistiche.

La notizia principale che arriva dal vertice riguarda comunque il raddoppio ferroviario Finale-Andora (che continua a registrare una corrente che lo avversa).

Il commissario straordinario che si occupa dell’intervento, Vincenzo Macello, ha dettato i tempi (tra espropri, progetto definitivo e intesa Stato-Regioni) per completare poi l’opera, del costo di 1,9 miliardi, entro il 2029. Ci sembrano in realtà previsioni ottimistiche, ma speriamo si avverino. Non fosse altro, sapremo con chi prendercela.

A Imperia si è parlato anche dell’Albenga-Carcare-Predosa, progetto di cui si parla da anni e anni ma con finanziamenti da inventare (Carfagna può aiutare, se vuole), causa perorata con forza dal presidente della Provincia Pierangelo Olivieri, che si dedica alla faccenda con un impegno che gli va riconosciuto.

Come sentiamo le parole “Provincia” e “Olivieri” non può che saltarci però in testa il pensiero dei troppi autovelox disseminati sul Cadibona come un buon agricoltore semina il grano: a proposito di cose da fare a costo zero, toglierne qualcuno no?

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.