Impegno

Maltempo, sopralluoghi di Vaccarezza a Quiliano, Bormida e Mallare: “La Regione farà la sua parte”

"Danni davvero ingenti, territorio devastato: veloci ed incisivi con gli aiuti necessari al ripristino di tutte le criticità"

Savona. “Sopralluoghi per avere ben chiara la situazione del territorio e poter essere più veloci ed incisivi con gli aiuti necessari al ripristino di tutte le criticità”. Così il consigliere regionale Angelo Vaccarezza dopo le gravi conseguenze dell’ondata di maltempo che ha devastato entroterra savonese, Val Bormida e Valle Erro.

La prima tappa a Quiliano: “Qui, accolto dal sindaco Nicola Isetta, ho visitato tre zone duramente colpite dall’alluvione. Le immagini sono piuttosto, drammaticamente eloquenti: in località Vaccamorta 7 persone vivono da giorni praticamente isolate. Situazione ancora più complessa in località Trexenda, dove per altre 7 è praticamente impossibile raggiungere le proprie case. Qui l’amministrazione sta lavorando in maniera più che veloce per dar modo alle unità familiari coinvolte di avere almeno un percorso pedonale adeguato”.

“L’utimo sopralluogo è lungo la strada dei Tecci, che collega Quliano alla frazione di Cadibona. Qui le difficoltà sono davvero molte: la più emergente è il crollo di un ponte, che ha isolato un’azienda agricola ed un nucleo familiare di 5 persone. Anche qui, l’amministrazione sta lavorando celermente per creare una strada di cantiere che dia collegamento ai residenti e consenta all’attività, che ha anche un importante settore zootecnico, di subire meno disagi possibile”.

I danni sono davvero molti: da una prima stima serviranno non meno di 3 milioni di euro: “Nel mezzo di questa nuova emergenza, ho potuto constatare di persona come gli interventi realizzati a seguito dall’alluvione 2019 abbiano resistito al maltempo, preservando la comunità da ulteriori disagi. Mi complimento con Nicola Isetta e con la sua squadra per le opere portate a termine e per l’attenzione e la passione con cui si prendono cura del territorio” sottolinea Vaccarezza.

La seconda tappa è stata Bormida: “Qui il primo cittadino Daniele Galliano mi ha mostrato i danni provocati dalla piena del fiume che da il nome oltre che al paese all’intera Valle. Anche qui il bilancio è importante: nella zona del lago artificiale, una strada cancellata, il lago completamente sommerso, la zona di accoglienza che non esiste più. In frazione Pian Soprano, a tre chilometri dalla sorgente del Bormida, l’acqua, oltre a distruggere per centinaia di metri gli argini, ha divelto un palo della luce, con tutte le immaginabili conseguenze, e trascinato via la ringhiera del Ponte di Oltrebormida, che è stamattina è stata ritrovata nella vicina Pallare. Anche in questo caso i danni sono ingenti, da una prima stima serviranno oltre 600.000 euro per il ritorno alla normalità” afferma il consigliere regionale.

L’ultimo sopralluogo della mattina è stato a Mallare: “Accompagnati dal sindaco Flavio Astiggiano e dal suo vice Mario Pistone abbiamo visitato i luoghi più colpiti dal maltempo. Le piogge imponenti hanno causato l’ingrossamento di ben quattro torrenti: il Clavarezza, il Biterno, il Merlino e il Consevola, che a loro volta hanno hanno causato il crollo di 5 ponti. La località Ferriera di Mallare ad oggi risulta isolata, con 5 famiglie che raggiungono le proprie abitazioni con immensa difficoltà. Oltre ai fiumi, diverse centinaia di metri di argine sono spariti; una frana inoltre ha bloccato la SP 38 “Del Bresca”. L’attività di ripristino e di messa in sicurezza del territorio comunale sarà sicuramente complessa e articolata, l’amministrazione si è già messa all’opera, per far sì che le zone colpite possano trovare una nuova normalità”.

“La Regione, come sempre, farà la sua parte” conclude Vaccarezza.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.