Per la ripresa

Incontro con ministro Orlando, Cisl Savona: “Chiesto impegno per sostenere concretamente le aziende del savonese”

"Necessaria un'azione coordinata tra i vari ministeri coinvolti nella gestione delle singole vertenze"

Ministro Orlando a Savona per chiusura campagna elettorale di Marco Russo

Savona. “Abbiamo espresso preoccupazione rispetto alle varie vertenze aziendali ancora irrisolte presentando il dossier (aggiornato ad ottobre) sulle crisi industriali elaborato unitariamente insieme a CGIL e UIL, e sottolineato ancora una volta le potenzialità di un territorio che, se adeguatamente sostenuto, può contribuire alla ripresa economica dell’intero Paese”.

A dirlo è Simone Pesce, responsabile di Cisl Savona, in merito all’incontro tenutosi ieri sera con il ministro del lavoro Andrea Orlando.

“L’occasione è stata utile per chiedere un impegno a promuovere un’azione coordinata tra i vari ministeri coinvolti nella gestione delle singole vertenze – specifica Pesce -: la mancanza di coordinamento rischia, infatti, di allungare notevolmente i tempi e di compromettere definitivamente il futuro di aziende che, pur se interessate da processi di riorganizzazione, hanno ancora prodotti, mercato e professionalità adeguate per competere in diversi settori industriali strategici per il Paese”.

“Al ministro del lavoro abbiamo, infine, espresso la necessità di politiche attive del lavoro, formazione professionale, innovazione e ricerca che possano traguardare le diverse transizioni che dovremmo affrontare in diversi settori produttivi: da quella energetica (per citare Schneider, Trench, Cabur) a quelle industriale (ad esempio filiera Automotive Bitron, Continental), della mobilità sostenibile (Alstom Bombardier), aerospaziale e difesa (Piaggio Aerospace e LAERH), ambientale e logistica (Funivie) e della produzione dell’acciaio (Sanac)” continua.

“I coordinatori territoriali delle federazioni di categoria FIM (Simone Mara), FEMCA (Corrado Calvanico) e FIT (Danilo Causa), unitamente ai rappresentati sindacali aziendali, hanno ricordato come sia determinante che: Piaggio e Laerh tornino ad essere un’unica azienda fiore all’occhiello del settore Aerospaziale e della Difesa; Alstom Bombardier sviluppi nel sito di Vado Ligure i nuovi prodotti ed i nuovi processi di lavoro portando a compimento il piano industriale presentato dal Gruppo; Schneider Electric rimanga nello stabilimento di Cairo Montenotte e garantisca continuità occupazionale ai 133 dipendenti oggi interessati da una potenziale cessione ad un soggetto che non fornisce nessuna garanzia; Sanac trovi una valida occasione di rilancio nell’ambito del riassetto del settore della produzione dell’acciaio; Funivie venga ripristinata ed inserita in un nuovo progetto industriale per la gestione delle rinfuse che unisca porto ed entroterra” conclude il responsabile di Cisl Savona.

Più informazioni
leggi anche
Ministro Orlando a Savona per chiusura campagna elettorale di Marco Russo
A 360 gradi
Savona, Orlando ribadisce il “No” ai tamponi gratuiti: “Non premia chi ha scelto il vaccino”
Ministro Orlando a Savona per chiusura campagna elettorale di Marco Russo
Rush finale
Il ministro Orlando a Savona per Marco Russo: “Qui per rappresentare l’impegno verso il mondo del lavoro”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.