Ricorrenza

Il 2 ottobre è la Festa dei Nonni, ecco come nasce e come celebrarla

Nasce negli Usa nel 1978, in Italia è stata istituita nel 2005

Nonni

Ogni 2 ottobre si festeggiano i nonni; si tratta di una festa di recente creazione, che è particolarmente apprezzata sia dai nonni che dai loro nipoti.

La festa dei nonni, secondo quanto riportato da Wikipedia, è stata creata negli Stati Uniti nel 1978 durante la presidenza di Jimmy Carter su proposta di Marian McQuade, una casalinga della Virginia Occidentale, madre di quindici figli e nonna di quaranta nipoti. La McQuade incominciò a promuovere l’idea di una giornata nazionale dedicata ai nonni nel 1970, lavorando con gli anziani già dal 1956. Riteneva, infatti, come obiettivo fondamentale per l’educazione delle giovani generazioni, la relazione con i loro nonni.

In Italia la festa dei nonni è stata istituita come ricorrenza civile per il giorno 2 ottobre di ogni anno con la legge n. 159 del 31 luglio 2005, quale momento per celebrare l’importanza del ruolo svolto dai nonni all’interno delle famiglie e della società in generale. La legge istituisce anche il «Premio nazionale del nonno e della nonna d’Italia», che il presidente della Repubblica assegna annualmente a dieci nonni, in base a una graduatoria compilata dall’apposita commissione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca. Il compito di promuovere iniziative di valorizzazione del ruolo dei nonni, in occasione di tale data, spetta per legge a regioni, province e comuni.

La data del 2 ottobre coincide con il ricordo liturgico degli angeli custodi nel calendario dei Santi cattolico. Nella tradizione cattolica, inoltre, i patroni dei nonni sono i santi Gioacchino e Anna, genitori di Maria e nonni di Gesù, che vengono celebrati il 26 luglio: proprio in relazione a tale ricorrenza, Papa Francesco ha stabilito che ogni quarta domenica di luglio si tenga in tutta la Chiesa la Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani.

Il manifesto dell’Unicef

Oggi, in occasione della giornata dedicata alla Festa dei Nonni e delle Nonne, l’UNICEF Italia lancia un “Manifesto dedicato alle Nonne e Nonni Ambasciatori di pace” e un progetto legati alle celebrazioni del 75° anniversario della nascita dell’UNICEF, che ricorre il prossimo 11 dicembre.

“L’UNICEF ha sempre avuto un legame molto stretto con la Festa dei Nonni, figure fondamentali per la crescita dei più piccoli. Con questo Manifesto vogliamo sottolineare come i nonni siano ‘custodi della memoria storica, promotori di solidarietà intergenerazionale, costruttori di una società non violenta”, ha ricordato Carmela Pace, Presidente dell’UNICEF Italia. Il Manifesto è realizzato in collaborazione con ANCeSCAO-A.P.S./Associazione Nazionale Centri Sociali Comitati Anziani e Orti, AUSER e UNPLI-Unione Nazionale Pro Loco d’Italia.

Generico ottobre 2021

In occasione della giornata, l’UNICEF Italia lancia un progetto legato alle celebrazioni del 75° anniversario della nascita dell’UNICEF che coinvolgerà anziani e giovani: i ragazzi di Younicef e i volontari dei Comitati locali UNICEF realizzeranno brevi video interviste a nonne e nonni, per raccogliere testimonianze sui loro ricordi negli ultimi 75 anni, sui grandi avvenimenti di questi decenni, sull’UNICEF. Le esperienze vissute dalle persone più anziane e la loro consapevolezza delle sofferenze causate dalla guerra, che in molti hanno vissuto negli anni ’40, proprio quando veniva fondato l’UNICEF per aiutare i bambini europei circondati da macerie e distruzione, costituiscono uno straordinario patrimonio umano, etico e culturale, di cui è importante promuovere la conoscenza e a cui dar valore.

“Vorrei fare un ringraziamento speciale ai tanti nonni e nonne volontari dell’UNICEF, che, in tutta l’Italia, sono impegnati da anni nel sostenere i nostri valori ed a tutti quelli che ci sostengono costantemente: il loro esempio di solidarietà è il bene più grande che possono trasmettere alle nuove generazioni. Sono certa che nei prossimi anni, dando ai giovani un insostituibile esempio, continueranno ad impegnarsi per aiutare milioni di bambini vulnerabili, purtroppo ancora invisibili”, ha ricordato Carmela Pace, Presidente dell’UNICEF Italia.

Come festeggiare

Per festeggiare al meglio questa ricorrenza è possibile ideare qualche attività particolare, in modo da rendere speciale questo giorno proprio per i nonni.

Qualche idea per la festa dei nonni
Visto che si tratta di una festa pensata per celebrare la vita di persone che stanno alla base della nostra famiglia perché non organizzare un bel pranzo tutti assieme. Come avviene a Natale e per altre importanti festività, si può approfittare della festa dei nonni per invitarli a casa e organizzare un vero e proprio banchetto. Per altro a inizio ottobre le feste classiche, quelle per cui si prepara un pranzo per la famiglia, sono lontane: introdurre una nuova abitudine per la famiglia è quindi ancora più piacevole. Oppure, se il clima lo permette, si può organizzare una gita con i nonni o un picnic all’aperto. Sono idee semplici, che possono però essere arricchite come meglio si desidera, allargando l’invito all’intera famiglia o organizzando una gita in una località lontana, o una piccola vacanza di famiglia.

Qualche lavoretto per la festa dei nonni
Si può vivacizzare la festa proponendo ai bimbi di preparare un lavoretto o un piccolo dono per le nonne e per i nonni. Le possibilità si ampliano in modo estremo, si deve anche considerare che ogni bambino ha le proprie predilezioni. In linea generale però ci si può aspettare che i nonni gradiscano qualsiasi dono, anche solo un pomeriggio con i nipoti o un disegno fatto da loro. Preparando questi piccoli doni in anticipo si ha più tempo per valutare al meglio quale lavoretto sia il più adatto.

Quando i nonni non ci sono
Non tutti i bambini e le famiglie hanno la fortuna di avere i nonni in vita. Soprattutto oggi, in una realtà in cui i figli si hanno sempre più in là con gli anni, capita che alla nascita i bambini non abbiano neppure un nonno in vita. Oppure che uno o più nonni ci lascino quando i nostri figli sono ancora piccoli. In questi casi c’è chi festeggia i nonni morti, anche per introdurre i bambini al concetto della morte, della perdita di una persona cara. Per un bimbo molto piccolo è difficile comprendere concetti tanto complessi; attraverso una festa che ricordi il nonno o la nonna che non ci sono più si può aiutare il bambino ad accettare questa assenza. Le modalità per festeggiare i nonni che non ci sono più sono molteplici; si può preparare un pasto particolare, con i piatti che i nonni cucinavano o preferivano. Oppure si può pensare di ricordare la persona scomparsa guardando sue fotografie e parlando al bambino dei momenti felici che ha potuto trascorrere con i nonni. Per i bimbi che non hanno conosciuto i nonni invece il racconto dell’infanzia dei genitori può essere evocativo di una persona ormai scomparsa.

Più informazioni
leggi anche
nonni
Grande risorsa
Festa dei nonni, più di uno su tre aiuta i bilanci della famiglia

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.