Riepilogo

Elezioni amministrative 2021 nel savonese: ecco tutti i Comuni alle urne nel savonese, i candidati sindaco e come si vota

Le urne apriranno il 3 ottobre dalle 7 alle 23 e poi il 4 ottobre dalle 7 alle 15

Elezioni 2016

Savona. Ci siamo, i giochi sono fatti. Con la mezzanotte è scattato il silenzio elettorale prima del voto per le elezioni amministrative, che si terranno domani e lunedì. Nel savonese sono 14 in totale i Comuni chiamati ad eleggere il nuovo sindaco: la città con il maggior numero di candidati è il capoluogo Savona (dove si sfidano in 5), mentre in tre paesi c’è solamente un candidato. In tutti gli altri casi a duellare sono due contendenti.

L’unico comune con più di 15 mila abitanti (e nel quale, quindi, è possibile andare al ballottaggio) è ovviamente Savona (58.566), che conta 49.708 elettori. Poi, per dimensioni, seguono Varazze e Loano che hanno rispettivamente 12.280 e 9.405  elettori. Gli altri Comuni: Balestrino (636), Bergeggi (994), Borgio Verezzi (2.089), Calice Ligure (1.744), Castelbianco (279), Nasino (256), Spotorno (3.237), Stella (2898), Stellanello (734), Testico 152 e Tovo San Giacomo (2.275).

In tutto saranno 86.687 gli elettori nel savonese chiamati al voto per questa tornata di amministrative, per un totale di 108 seggi aperti.

Le urne saranno aperte il 3 ottobre dalle 7 alle 23 e poi il 4 ottobre dalle 7 alle 15. Lo spoglio dei voti comincerà subito la chiusura dei seggi. Nei comuni che superano i 15mila abitanti (per il nostro territorio solo il capoluogo di Savona) il ballottaggio è previsto domenica 17 ottobre e lunedì 18. Per poter votare occorre presentare un documento d’identità in corso di validità e la tessera elettorale.

MODALITA’ DI VOTO

A Savona sarà eletto sindaco al primo turno il candidato che otterrà la maggioranza assoluta dei voti validi (ossia più del 50%). Qualora nessun candidato raggiunga tale soglia si tornerà a votare per il ballottaggio il 17 ottobre per scegliere tra i due candidati che al primo turno avranno ottenuto il maggior numero di voti. In caso di parità di voti al primo turno, verrà ammesso al ballottaggio il candidato alla lista più votata (maggiore cifra elettorale) e, in caso di ulteriore parità, verrà ammesso il più anziano di età (gli stessi criteri saranno usati in caso di parità nel ballottaggio). Al secondo turno viene eletto sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti.

Per stabilire la composizione del consiglio si tiene conto dei risultati elettorali del primo turno e degli eventuali ulteriori collegamenti nel secondo. In pratica, se la lista o l’insieme delle liste collegate al candidato eletto sindaco nel primo o nel secondo turno non hanno conseguito almeno il 60% dei seggi ma hanno ottenuto nel primo turno almeno il 40% dei voti, otterranno automaticamente il 60% dei seggi. I seggi restanti saranno divisi tra le altre liste proporzionalmente alle preferenze ottenute.

Nei Comuni fino a 15 mila abitanti invece viene eletto già al primo turno il sindaco che ottiene la maggioranza relativa dei voti. Si va al ballottaggio solo in un caso: se i candidati ottengono lo stesso numero di voti (in caso di parità anche al secondo turno viene eletto il più anziano). Alla lista che appoggia il sindaco vengono attribuiti i 2/3 dei seggi del consiglio comunale, la rimanente parte viene spartita tra le altre liste.

L’elettore può esprimere un voto tracciando una X sul simbolo della lista. In questo modo il voto sarà attribuito solo al candidato sindaco. Oppure può tracciare un segno sul simbolo di una delle liste di candidati alla carica di consiglieri comunali: il voto viene attribuito alla lista e al candidato collegato. Oppure può tracciare una X sul nome del candidato sindaco e su una delle liste collegate: il voto va sia al sindaco sia alla lista. E’ possibile esprimere voto disgiunto tracciando un segno sul candidato sindaco e un altro su una lista non collegata.

Per quanto riguarda i singoli candidati consiglieri, ciascun cittadino può esprimere fino a due preferenze, a patto che i due prescelti siano di sesso diverso (quindi un uomo e una donna).

Per i Comuni al di sotto dei 5 mila abitanti si può tracciare un segno sul simbolo della lista e indicare il nome di un consigliere.

scheda elettorale savona 2021

I CANDIDATI E LE LISTE – ecco i fac-simile delle schede elettorali Comune per Comune

SAVONA – Sono 5 i candidati che si contendono il posto a palazzo Sisto: il sociologo Luca Aschei, il consigliere comunale uscente del M5S Manuel Meles, l’avvocato Marco Russo, l’ex primario di chirurgia dell’ospedale san Paolo Angelo Schirru e l’ex primario di reumatologia del nosocomio savonese (ed ex consigliere uscente) Francesco Versace.

Le liste sono complessivamente sono 13. Angelo Schirru ha ottenuto il sostegno di 5 liste: la lista civica, Lega, Forza Italia con l’Unione di Centro, Toti per Savona e Fratelli d’Italia. Marco Russo è accompagnato da 4 liste: Patto per Savona, Sinistra per Savona, Partito Democratico con Articolo Uno e RiformiAMO.

Il pentastellato Manuel Meles ha due liste: Movimento Cinque Stelle e dalla civica Con Te per Savona. Versace e Aschei sono entrambi appoggiati da un’unica lista, rispettivamente Liguria Popolare-Noi con l’Italia e la civica Andare Oltre.

LOANO – Qui le liste sono 2: Nuova Grande Loano che appoggia Giacomo Piccinini (ex consigliere comunale) e Per Loano che sostiene Luca Lettieri, assessore uscente.

Piccinini si presenta senza simboli di partito ma ha ricevuto l’endorsement del Partito Democratico e di Grande Liguria; Lettieri è sostenuto da 6 partiti ( “Toti per Loano”, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega, Partito Liberale Europeo e Unione di Centro-UDC).

VARAZZE – Anche qui, come a Loano, il confronto avverrà tra un rappresentante dell’amministrazione uscente (il sindaco facente funzioni) e la minoranza. A correre per la carica di primo cittadino sono Luigi Pierfederici sostenuto da Essere Varazze e Antonio Ghigliazza da Varazze Domani per un totale di 32 candidati consiglieri.

BORGIO VEREZZI – In campo ancora una volta Renato Dacquino con la lista “Nuova Via” e Gabriele Murrighile appoggiato da “Borgio Verezzi per tutti”. A confrontarsi saranno rispettivamente il primo cittadino uscente e il direttore sanitario dell’Avis di Finale Ligure e della PA Croce Verde Finalborgo.

STELLA – Andrea Castellini rappresenta l’opposizione all’amministrazione uscente e sfiderà Roberto Cavicchini appoggiato dalla lista “Per Stella” e sostenuto dal sindaco uscente Marina Lombardi.

Il primo cittadino non ha potuto candidarsi perché l’ultimo censimento (di 10 anni fa) classifica Stella tra i Comuni con più di 3mila abitanti (anche se attualmente ne conta 2985). Per Lombardi non è stato quindi possibile sfruttare la norma che permette di candidarsi per più di due mandati ai Comuni con popolazione inferiore ai 3mila residenti.

TOVO SAN GIACOMO – A contendersi la carica di primo cittadino saranno il sindaco uscente Alessandro Oddo, in corsa per il terzo mandato, con la lista “Per un nuovo paese” e Iole Aicardi, consigliere di minoranza uscente, appoggiata da “Insieme per il cambiamento”.

SPOTORNO – Dopo il passo indietro di Franco Bonasera per evitare di spaccare lo schieramento di centro destra, i candidati sindaco sono due. Il sindaco uscente Mattia Fiorini verrà sfidato da Giancarlo Zunino sostenuto dalla lista “Insieme per Spotorno”.

BALESTRINO – Si presenta come candidato sindaco Massimiliano Zunino, 52enne dipendente della pubblica amministrazione e già consigliere comunale di maggioranza nel primo mandato del sindaco uscente Gabriella Ismarro che non si presenterà. E’ sostenuto dalla lista civica “Balestrino rinasce”. A sfidare Zunino sarà il vicesindaco uscente Stefano Saturno appoggiato dalla lista “Balestrino oggi”.

BERGEGGI – In continuità con l’amministrazione attuale si candida la farmacista Nicoletta Rebagliati sostenuta dalla lista “Uniti per Bergeggi” con novità e alcune riconferme dei componenti della squadra di Roberto Arboscello (sindaco di Bergeggi fino all’elezione come consigliere regionale nell’ottobre 2020). A contendersi la vittoria con Rebagliati sarà Alice Bianchini sostenuta dalla lista “CambiAmo Bergeggi”.

TESTICO – Anche a Testico gli sfidanti sono due. Da un parte Lucia Moscato sostenuta dalla lista “Passione Testico”, dall’altra Paolo Zerbone appoggiato da “Amare Testico”.

STELLANELLO – Due i candidati sindaci: Claudio Cavallo, appoggiato dalla lista “Stellanello Passione Valmerula”. sfida Marco Ferriero con la lista “Amministrazione Libera”.

CALICE LIGURE, NASINO e CASTELBIANCO – A Calice Ligure, Nasino e Castelbianco si presenta solo una lista. A Calice il sindaco uscente Alessandro Comi sostenuto da “Condividere Calice”, lista composta da quasi le stesse persone della squadra precedente tranne una new entry. A Nasino e Castelbianco rispettivamente la lista “Nasino 2021” che sostiene Roberto De Andreis e “Per Castelbianco” che appoggia Franco Aurame.

leggi anche
Generica
Primi numeri
Elezioni amministrative: nel savonese alle 12 affluenza poco sopra il 16%, in alcuni Comuni è dimezzata

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.