Vaccino, morto a 42 anni per aneurisma: funerale sospeso. Attesa per le perizie sui decessi sospetti - IVG.it
Chiarezza

Vaccino, morto a 42 anni per aneurisma: funerale sospeso. Attesa per le perizie sui decessi sospetti

I dossier riguardano la 18enne Camilla Canepa, l'insegnante 32enne Francesca Tuscano e tre anziani ultrafragili tra i 70 e gli 80 anni

vaccino covid coronavirus fiala

Liguria. E’ stato sospeso, per ora, il funerale di Emanuele Pileggi, in programma nella chiesa di Santo Stefano di Lavagna. L’ultimo saluto all’operaio Fincantieri dello stabilimento di Riva Trigoso, ucciso a 42 anni da un aneurisma cerebrale, avrebbe dovuto svolgersi ieri mattina ma la procura di Genova ha deciso di sospendere.

Il sostituto procuratore Giovanni Arena si è fatto consegnare da Asl 4 e policlinico San Martino le cartelle cliniche e certificato vaccinale di Pileggi. Il magistrato esaminerà la documentazione e valuterà se sia necessario un esame autoptico per chiarire le cause del decesso dell’operaio.

I medici del San Martino subito dopo il decesso (avvenuto giovedì scorso) avevano escluso una correlazione tra il vaccino (Moderna, effettuato il 30 agosto) e il decesso.

Intanto la vicenda di Pileggi sta rimbalzato sulle chat “no vax” e su alcuni media come esempio di morte poco chiara avvenuta temporalmente dopo l’iniezione di un vaccino anti-covid.

Entro la metà di settembre in procura a Genova arriveranno le perizie sulle morti anomale dopo la somministrazione di dosi di vaccino AstraZeneca e Pfizer aperte dai magistrati del pool sanità. Il medico legale Luca Tajana e l’ematologo Franco Piovella depositeranno le perizie sui cinque casi registrati a Genova e su cui sono stati aperti fascicoli di inchiesta.

Il primo dossier riguarda la professoressa di 32 anni Francesca Tuscano, uccisa da una trombosi dopo la somministrazione del siero anglo-svedese. Poi quello di Camilla Canepa, la studentessa di 18 anni morta a giugno per trombosi dopo un open day: alla giovane venne somministrato AstraZeneca. In mezzo altre tre morti di anziani ultrafragili tra i 70 e gli 80 anni, a cui erano stati somministrati sia Pfizer che AstraZeneca.

Sono stati gli stessi pm (Arianna Ciavattini e Stefano Puppo coordinati dal procuratore capo facente funzioni Francesco Pinto) a chiedere un’accelerata ai consulenti in vista dell’incontro del 16 settembre con i colleghi di altre 11 procure italiane e quelli di Eurojust. Per quella data, è prevista una riunione in video conferenza per mettere insieme tutti i decessi registrati con possibili legami coi vaccini ed elaborare un piano di strategie investigative comuni.

Per il caso di Camilla Canepa è molto probabile che verranno indagati i medici dell’ospedale di Lavagna. La ragazza si era presentata nel piccolo nosocomio il 3 giugno con un forte mal di testa, fotosensibilità e piastrinopenia. Le era stata fatta una tac senza contrasto ed era stata dimessa il giorno dopo. Il 5 era stata ricoverata di nuovo ma le sue condizioni erano apparse drammatiche. Trasferita al Policlinico San Martino di Genova era stata sottoposta a un doppio intervento per rimuovere i trombi e ridurre la pressione cranica ma dopo alcuni giorni per la studentessa venne dichiarata la morte cerebrale.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.