Vaccarezza: "Italia non parteciperà alla Conferenza Mondiale contro il Razzismo, contento della decisione del Governo" - IVG.it

Lettera al direttore

Lettera

Vaccarezza: “Italia non parteciperà alla Conferenza Mondiale contro il Razzismo, contento della decisione del Governo”

"La verità è che avrebbe solo rischiato di trasformarsi in una riunione antisemita e anti-israeliana"

Generico settembre 2021

“Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno” Madre Teresa di Calcutta.

Il mio pensiero da sempre sposa la citazione qui sopra riportata, ancor più oggi. È notizia di poche ore fa: l’Italia non parteciperà alla prossima Conferenza Mondiale Contro il Razzismo, la Conferenza di Durban, che si svolgerà a settembre a New York.

La verità è che la nuova conferenza intergovernativa dell’Unesco avrebbe solo rischiato di trasformarsi in una riunione antisemita e anti-israeliana, dal momento in cui, nel 2001 in Sudafrica, Israele venne definito uno “stato razzista e di apartheid”.

Oltre all’Italia, hanno deciso di non presenziare: Stati Uniti, Canada, Australia, Regno Unito, Francia, Germania, Austria, Olanda, Ungheria, Repubblica Ceca e ovviamente Israele.

Confermo e sottoscrivo le parole di ieri: ero pronto a presentare un atto ufficiale negli uffici competenti affinché anche l’Ente Regione Liguria venisse reso partecipe della situazione e attivo con tutti gli strumenti a disposizione.

Sarò realista: non ho la presunzione di poter pensare che le mie azioni possano essere state determinanti, sarebbe assurdo anche solo immaginarlo. Ma, questo si, so di essere stato una goccia, anche se piccola, in un oceano di interventi di buon senso verso un risultato importantissimo.

Sono molto contento, quindi, della decisione presa dal nostro Governo, concreto segno di rispetto dei valori di tolleranza e responsabilità.

Angelo Vaccarezza

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.