Travolti alla Granfondo, i due ciclisti gravi ricoverati in Medicina d'urgenza. Il sindaco: "Sconvolti per l’accaduto" - IVG.it
Sviluppi

Travolti alla Granfondo, i due ciclisti gravi ricoverati in Medicina d’urgenza. Il sindaco: “Sconvolti per l’accaduto” fotogallery video

Si tratta di Emanuele Caddeo e di Mattia Magnaldi: una trentina di giorni di prognosi circa per entrambi

Carcare. Sono ricoverati nel reparto di Medicina d’Urgenza dell’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure (non in Rianimazione perché vigili e coscienti e fortunatamente mai in pericolo di vita) 2 dei ciclisti (i più gravi) coinvolti nell’incidente avvenuto ieri pomeriggio, durante le fasi finali della terza edizione della Gran Fondo delle Alpi Liguri.

In tutto sono stati 5 i ciclisti travolti, per causa ancora da accertare, da una Fiat Panda che si è immessa in via Barrili, luogo dell’arrivo della competizione sportiva, proprio mentre i partecipanti stavano per arrivare al traguardo.

L’imperiese Manuele Caddeo il cuneese Mattia Magnaldi sono risultati i più gravi in seguito all’impatto: hanno riportato rispettivamente un trauma toracico ed una brutta ferita ad una gamba, con interessamento di tibia e femore. 

Visto l’impatto devastante, le conseguenze sarebbero anche potute essere ben peggiori ma, per fortuna, per i due ciclisti è stata disposta una prognosi di una trentina di giorni a testa. 

“Siamo tutti sconvolti per l’accaduto di ieri. Una giornata di festa e sport è terminata nel peggiore dei modi, – il commento del sindaco di Carcare, Christian De Vecchi, dopo il terribile incidente. – Il primo pensiero va agli atleti feriti, nella speranza che possano rimettersi a breve e non abbiano gravi conseguenze. Poi al giovane che si è trovato coinvolto in una brutta vicenda e alla sua famiglia, a cui va il sostegno morale della comunità”.

Sulle responsabilità il primo cittadino non si sbottona: “Lasciamo campo libero alle indagini, solo così si può fare luce sull’accaduto e su possibili errori organizzativi. Non vogliamo accusare né assolvere nessuno, saranno gli inquirenti a dare le risposte che attendiamo”. 

Nel frattempo, proseguono gli accertamenti per stabilire l’esatta dinamica dell’accaduto che, nella giornata di ieri, ha visto un rimpallo di responsabilità tra gli organizzatori della corsa, che hanno affermato di “aver rispettato i protocolli di sicurezza previsti”, e i familiari del conducente della Fiat Panda, che hanno invece denunciato “l’assenza di divieti ed indicazioni”. 

Solo l’esito delle indagini condotte dai carabinieri, che sono tutt’ora in corso e si stanno concentrando anche sui video dell’accaduto, potranno stabilire colpe e responsabilità. 

leggi anche
incidente granfondo carcare
Indagini
Auto travolge ciclisti alla Granfondo, le telecamere inchiodano l’investitore. Lui si difende: “Colpa degli organizzatori”
incidente granfondo carcare
Investimento a catena
Auto travolge 5 ciclisti al traguardo di una Granfondo: due sono gravi

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.