Presa di posizione

TPL Linea: accordo sindacale da 500 mila euro per i lavoratori, ma la Cgil non firma e conferma lo sciopero

L'azienda di trasporto savonese dopo il No della Cgil: "Atteggiamento incomprensibile"

Tpl Linea Sede

Savona. La vertenza sindacale in atto nel trasporto pubblico locale savonese, con al centro alcune retribuzioni in sospeso, ha visto nella giornata di ieri raggiungere un accordo tra TPL Linea e i sindacati di categoria: l’azienda di trasporto savonese metterà a bilancio 500 mila euro per i lavoratori, definendo così la lunga querelle sulle richieste avanzate nei mesi scorsi di integrazioni reddituali pregresse.

Solo la Cgil non ha firmato l’intesa sindacale, confermando quindi lo sciopero, ridotto sulle indicazioni della Commissione di Garanzia dalle 24 ore previste a 4 ore, per la giornata di domani, venerdì 17 settembre.

“Un atteggiamento isolato e davvero incomprensibile – affermano il presidente di TPL Linea Simona Sacone e il direttore Giovanni Ferrari Barusso -, considerando che la questione sul tavolo riguarda diverse realtà del trasporto pubblico locale nell’ambito di una vertenza nazionale (ovvero le retribuzioni sulle ferie) che invece nel nostro territorio ha visto un impegno diretto e risolutivo da parte dell’azienda”.

“TPL Linea si è adoperata con forza su tutti i fronti e sul tavolo della trattativa abbiamo affrontato e risolto la partita economica in favore dei lavoratori con un riconoscimento significativo di circa 500 mila euro: tale riconoscimento, che inciderà positivamente sulle buste paga del personale, è il risultato di azioni responsabili da cui la Cgil ha preso le distanze, cercando di minare il raggiungimento dell’obiettivo”.

“Per queste ragioni, dopo la lunga mediazione e il confronto intrapreso dall’azienda, siamo rimasti davvero increduli e sconcertati dalla presa di posizione del sindacato, che pare non voglia vedere le iniziative messe in campo da TPL Linea sulle diverse direttrici operative del trasporto pubblico, a cominciare dagli investimenti previsti su parco mezzi, manutenzione e mobilità sostenibile, oltre a quanto realizzato di recente per aumentare la sicurezza sui nostri bus, con riferimento al personale viaggiante e alla stessa utenza”.

“Non possiamo poi non evidenziare le stesse garanzie e ampie rassicurazioni, ricedute dai sindacati anche in sede istituzionale, riguardo all’iter sull’affidamento in house del servizio di trasporto pubblico locale nel savonese”.

“Tra l’altro lo sciopero arriva proprio con l’inizio del nuovo anno scolastico, con tutte le incognite legate al sistema dei trasporti rispetto alle quali TPL Linea si è impegnata a dare piena risposta con nuovo piano di potenziamento del servizio per gli studenti”.

“Con il settore ancora alle prese con le conseguenze della pandemia riteniamo che fosse più opportuno un atteggiamento diverso e maggiormente costruttivo rispetto alle rivendicazioni sindacali, sulle quali l’azienda ha fornito riscontri concreti e tangibili”.

“Così l’utenza della provincia di Savona subirà altri disagi, nonostante quanto fatto in questo periodo per garantire massima sicurezza e un trasporto pubblico efficiente capace di intercettare le necessità di tutti i viaggiatori” concludono i vertici di TPL Linea.

leggi anche
Bus Tpl
Passo indietro
Sciopero Tpl ridotto a 4 ore, Filt Cgil: “Senso di responsabilità, meno disagi per le scuole”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.