Idea

Savona 2021, Russo: “Protocollo di intesa tra campus e città, basta buttare via occasioni”

"La città non ha messo a frutto le competenze del Campus per i progetti di sviluppo e di innovazione"

Campus Savona Smart Sostenibilità

Savona. “Ci sono due realtà – campus e città – che non si parlano. La mia proposta, perché Savona diventi una città dinamica, attrattiva e giusta è stringere immediatamente, subito dopo le elezioni, un patto, un protocollo di intesa, che fissi gli obiettivi di espansione e di reciproca utilità. E organizzare ogni anno la Settimana del Campus, 7 giorni di grandi eventi, anche in vista della candidatura di Savona a Capitale della Cultura”. E questa la proposta che avanza il candidato sindaco del centro sinistra Marco Russo.

“Il Campus ha bisogno di spazi – osserva Russo -. Ne ha bisogno per l’insediamento di nuove imprese e di start-up che a Savona portano nuovi posti di lavoro, per i suoi studenti, per i corsisti, per i docenti. Domande inevase, richieste che in questi 5 anni il Comune non è stato in grado di soddisfare. La città, invece, non ha messo a frutto le competenze del Campus per i progetti di sviluppo e di innovazione. Se vogliamo diventare la città più vivibile della Liguria dobbiamo smettere di buttare via le occasioni”.

“L’Agenda per Savona indica le eccellenze tematiche dell’Università che per la città rappresentano vere e proprie occasioni di sviluppo – spiega il candidato del Patto per Savona -. Innovazione energetica per un grande piano di rinnovamento del Porto, degli edifici scolastici e degli impianti sportivi; una rinnovata vocazione sportiva della città che diventi volano economico, grazie anche al fatto che nei prossimi anni il Campus punterà ancora di più sulla facoltà di Scienze Motorie; un piano di protezione civile e di difesa del territorio grazie alle competenze degli esperti della Fondazione CIMA, istanza urgentissima se si pensa al recente incendio a Ciantagalletto o alle strade dell’entroterra interrotte per frane; una nuova centralità all’Ospedale San Paolo grazie anche all’impulso di Scienze Infermieristiche e Master in Riabilitazione”.

E, a proposito del rapporto fecondo tra campus e ospedale, “è necessario far tornare al Campus la facoltà di Medicina, perché rappresenterebbe una vera e propria opportunità sia per Savona che per il San Paolo”.

Il simbolo della stretta connessione tra Campus e città, “sarà – spiega il candidato sindaco – la realizzazione di uno studentato in centro città, accogliendo così tanti giovani provenienti da tutta Italia e dall’estero che vogliono studiare a Savona; sedi per l’accoglienza di corsisti e docenti nel quartiere di Legino e nuovi spazi, sempre a Legino, per imprese che chiedono di aprire sedi in prossimità del Campus”.

Per Russo quella del collegamento tra città e università “è una sfida da vincere assolutamente, perché il Campus contiene tutto ciò di cui la città ha bisogno: giovani, ricerca, innovazione, eccellenza, imprese e apertura al mondo”.

leggi anche
Savona 2021, Marco Russo presenta la sua lista
Pronti
Savona 2021, ecco i volti e i nomi della lista per Russo sindaco: “Un gruppo plurale e coeso”
partito democratico
Verso il voto
Savona 2021, il Pd presenta la squadra: Elisa Di Padova e Luca Burlando sono i due capolista
marco russo
Progetti
Savona 2021, Russo: “Turismo accessibile da perseguire. Nel savonese potenziale da almeno 60 mln all’anno”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.