Savona 2021, Monte (Savona Popolare Versace Sindaco): "Porto progetti, non servono tanti soldi ma le idee" - IVG.it
Scende in campo

Savona 2021, Monte (Savona Popolare Versace Sindaco): “Porto progetti, non servono tanti soldi ma le idee”

Fabrizio Monte lancia la sua candidatura: "Fatti passi in avanti, ma c'è ancora tanto da fare"

Savona. “Fino a prova contraria le idee non costano. E si possono realizzare anche con pochi soldi”. Ne è convinto Fabrizio Monte, candidato come consigliere comunale nella lista di Liguria Popolare a sostegno di Francesco Versace alle prossime elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre a Savona. “Ho sempre qualche progetto in testa e ora ho deciso di metterci la faccia e la passione – spiega -, la stessa che ho messo nell’attività sportiva e calcistica per molti anni”.

Una new entry in politica, anche un po’ per caso, grazie a un’esperienza che lo ha colpito positivamente: “Mesi fa ho deciso di vendere un calendario con foto fatte fuori dal mio locale e devolvere il ricavo (più di 2mila euro) in beneficenza per il reparto di pediatria dell’ospedale San Paolo. In questa occasione mi sono reso conto che le persone mi davano fiducia: spendevano i loro soldi senza sapere come decidessi di investirli”.

Così è scattata la scintilla con questo nuovo mondo che ha permesso a Fabrizio Monte di lanciarsi in questa avventura: “Da qui si è creato tutto un alone di positività che mi sono detto ‘come ho fatto del bene prima, se possibile faccio del bene anche per la mia città’”.

Ed è poco dopo che è arrivata l’occasione di tentare l’ingresso in consiglio comunale grazie all’incontro con Francesco Versace: “Ci siamo conosciuti grazie a contatti comuni e ci siamo piaciuti subito per il carattere grintoso e la voglia di mettersi in gioco che ci accomuna. Dopo un paio di incontri ho sposato il loro progetto. Ci sentiamo spesso. Apprezzo che non si ferma alle conoscenze personali e lavorative ma si informa quotidianamente sui problemi che riguardano la città e come migliorarla. E’ sempre il dettaglio che fa la differenza, lui lavora molto sui dettagli”.

Sport, famiglia e passione: questi i tre valori alla base della sua candidatura. Con un lavoro, quello del commerciante, che gli permette di osservare la città da un punto di vista favorito: “Sono due anni che abbiamo il locale in pieno centro e ho l’opportunità di vivere quotidianamente la città e cogliere le richieste dei cittadini nel bene e nel male. Noi liguri guardiamo sempre le cose negative ma ci sono anche degli aspetti positive”.

Si dissocia dal luogo comune secondo cui il ligure è poco ospitale: “Non siamo come ci descrivono, abbiamo piacere ad avere i turisti. Ci stiamo trasformando in una città molto accogliente e turistica”. A differenza di altri che non perdono occasione per bocciare la giunta Caprioglio, Monte pone l’accento sugli aspetti positivi e sui passi avanti fatti: “Abbiamo una città che in questi anni si è evoluta tanto anche se è migliorabile sono molti punti di vista”.

Per Monte, ex calciatore ora allenatore e titolare di un bar insieme alla moglie, un passaggio dalla panchina alla poltrona: “Lo dico io, prima che commentino così altri, siccome son senza panchina cerco poltrona – ironizza Monte -. Seguo il calcio di mio figlio e di tanti amici, allenatori e giocatori; il fatto di non avere l’impegno calcistico mi ha permesso di concentrarmi su questa avventura che sto prendendo con un entusiasmo pazzesco. E’ come un campionato, parti cercando di ottenere il massimo”.

“La presenza di Andrea Costa – conclude Fabrizio Monte – ci permette di essere spalleggiati da un personaggio molto importante visto che per quanto riguarda il Covid il ministero della salute è un attore determinante le cui decisioni si ripercuotono sulla vita quotidiana”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.