Quiliano, finanziati adeguamenti idraulici e antisismici per 2 milioni e mezzo di euro - IVG.it
Messa in sicurezza

Quiliano, finanziati adeguamenti idraulici e antisismici per 2 milioni e mezzo di euro

Riguardano il tratto terminale del Rio Santo e le scuole primarie "Don Peluffo" e "Peressi"

Quiliano Comune

Quiliano. Continua l’attività strategica voluta e organizzata dall’amministrazione e dagli Uffici Comunali (tecnico e finanziario) di ricerca di finanziamento funzionali alla realizzazione di interventi pubblici sul territorio del Comune di Quiliano.

“In questi giorni – spiegano dal Comune – abbiamo avuto riscontro che sono state riconosciute nuove opere ammissibili al contributo per investimenti relativi a interventi pubblici di messa in sicurezza degli edifici e del territorio. Sono tutti finanziamenti ex Legge 145/2018, emanati con due decreti, il primo a febbraio per il Rio Santo ed il secondo ad agosto per le scuole. Il contributo massimo finanziabile era di 2.500.000 euro, noi avevamo richiesto di finanziare tre interventi che ammontano complessivamente a 2.606.676,33 euro, per cui prevedendo un cofinanziamento di 106.676,33 euro”.

Gli interventi previsti sono:

Adeguamento idraulico tratto terminale Rio Santo (Decreto 23-02-2021)
Richiesto 970.000,00 €
Finanziato 970.000,00 €

Adeguamento antisismico scuola primaria “Don Peluffo” Quiliano (Decreto 25-08-2021)
Richiesto 851.676,33 €
Finanziato 851.676,33 €

Adeguamento antisismico scuola primaria “Peressi” Valleggia (Decreto 25-08-2021)
Richiesto 785.000,00 €
Finanziato 678.323,67 €

“Sono molto contento di questi risultati – commenta il sindaco Nicola Isetta – la necessità di trovare finanziamenti extracomunali è uno dei temi fondamentali di una pubblica amministrazione e questo era uno degli obiettivi posti all’inizio del nostro mandato amministrativo. Questo ci ha consentito e ci consente di realizzare opere pubbliche senza pesare sul bilancio comunale”.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.