Oltre 220 persone "in nero" in locali, lidi e ristoranti del savonese: sanzionati 19 datori di lavoro - IVG.it
"irregolari"

Oltre 220 persone “in nero” in locali, lidi e ristoranti del savonese: sanzionati 19 datori di lavoro

Scoperti durante i controlli della Finanza, ai titolari delle attività 1.800 euro di multa per ogni lavoratore assunto irregolarmente

guardia di finanza

Savona. Sono 223 i lavoratori irregolari e in “nero”, individuati dalla Guardia di Finanza di Savona durante i controlli nella stagione estiva all’interno di locali notturni e attività ricettive, quali ristoranti e lidi balneari.

Tra questi commessi, camerieri, barman, aiuto-cuoco ed addetti alle pulizie, i quali erano completamente sconosciuti agli enti previdenziali ed assistenziali, la loro opera non sarebbe stata riconosciuta ai medesimi ai fini pensionistici.

Ai 19 datori di lavoro che li impiegavano in modo irregolare  sarà irrogata la “maxisanzione” prevista, pari a 1.800 euro per ogni lavoratore irregolare assunto.

Nello specifico, in un caso, è stato anche individuato un soggetto extracomunitario in attesa di asilo politico, impiegato in uno stabilimento balneare del ponente savonese. Il giovane, da poco giunto in Italia, di etnia marocchina, era in possesso solo di un codice fiscale provvisorio, in attesa di quello definitivo.

In un altro caso sono stati individuati due soci di una società che gestisce un ristorante della Valbormida, nel comune di Giusvalla, intenti a servire al tavolo i clienti, pur non risultando in regola ai fini contributivi ed assicurativi.

“L’intervento operativo delle Fiamme Gialle conferma ancora una volta la trasversalità dell’azione del Corpo per la tutela della legalità e la repressione dei fenomeni illeciti che ledono l’economia del Paese, con particolare riguardo alla proprietà intellettuale, allo sfruttamento della manodopera irregolare ed alla difesa dei diritti fondamentali dei lavoratori”, dicono dal Gruppo di Savona.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.