No Green Pass, Italexit: "Con il ricorso chiediamo le cure domiliari, così ridurremo le ospedalizzazioni" - IVG.it
Osservazione

No Green Pass, Italexit: “Con il ricorso chiediamo le cure domiliari, così ridurremo le ospedalizzazioni”

"Il Piemonte ha ampiamente dimostrato che con questo protocollo la malattia si può controllare e contenere"

No green pass, lavoratori della scuola e della sanità in piazza a Genova

Liguria. Il 7 Settembre alle ore 09:45 presso la sede del Tar di Roma, il Coordinatore Regionale Montorro Fabio, accompagnato dalla dottoressa Vergassola Valeria e dall’avvocato Levoni Giuseppe del Foro di Modena, affronteranno l’udienza per il ricorso al Tar depositato da Italexit Liguria, dove richiederanno la reintroduzione delle cure domiciliari.

“È la grande occasione per il paese di munirsi di uno strumento importante come le cure domiciliari prima dell’arrivo dell’inverno – dice il Coordinatore Regionale di Italexit Montorro Fabio – nel nostro ricorso abbiamo richiesto l’immediata introduzione del protocollo di cure domiciliari nel caso di accoglienza da parte del giudice, in questo modo ridurremo in maniera significativa le ospedalizzazioni, riducendo i contagi e le vittime”.

“Le cure domiciliari – prosegue il coordinatore di Italexit – abbinate a una vaccinazione (non forzata) delle categorie fragili, sono sicuramente la soluzione per capire che questa malattia con le giuste misure, può essere considerata come una delle tante. Ovvero curabile da casa senza nessun allarmismo, ridando la giusta considerazione agli altri pazienti con patologie diverse, che in questo periodo sono stata gravemente trascurate”.

“Il Piemonte – spiega Montorro – ha ampiamente dimostrato che con questo protocollo la malattia si può controllare e contenere. La procura che abbiamo ricevuto da oltre un centinaio di medici per il ricorso, dimostra che c’è una base scientifica su questo procedimento legale, abbiamo passato 40 giorni a sincerarci che il protocollo fosse adeguatamente funzionale, tutti i dati ricevuti hanno evidenziato che era il giusto trattamento da reintrodurre”.

“Il gruppo salute del circolo di Genova che ha messo insieme i pezzi di questo ricorso  – continua -, si è trasformato in un gruppo regionale, dove dipendenti ospedalieri di tutta la regione danno il loro contributo per affrontare al meglio i temi legati alla sanità. Sono molto contento del lavoro svolto, mettere insieme questo ricorso non e’ stato facile, ora però manca la parte più importante, vincere la causa”.

“Mi auguro di poter festeggiare il successo con tutto il partito e con il paese intero, incrociamo le dita – conclude così Montorro Fabio -, con l’augurio di poter festeggiare la reintroduzione delle cure domiciliari, che porterebbe al paese un grande strumento prima della stagione clou per il Covid, motivo di gioia per Italexit per l’Italia”.

Più informazioni
leggi anche
Generico agosto 2021
Ecco chi sono
Mappa “no green pass”: nel savonese per ora 5 locali tra bar, ristoranti e… un fiorista
green pass cellulare
"ricatto di stato"
Italexit lancia i “no green pass day”: nel savonese banchetti per firmare la petizione
Primo giorno per il Green Pass obbligatorio
Il manifesto
Università, il “no al Green pass” arriva anche dalla Liguria: tra i firmatari 9 docenti genovesi
Primo giorno per il Green Pass obbligatorio
Obbligo
Covid, Toti favorevole all’estensione del Green Pass: “Tutti i lavoratori dovrebbero essere vaccinati”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.