Iniziativa

“No al Green Pass”, partita la raccolta firme per chiedere l’abrogazione della certificazione

L'iniziativa nata da un avvocato e alcuni docenti universitari: tra i garanti anche Carlo Freccero

Primo giorno per il Green Pass obbligatorio

L’iniziativa è partita da un avvocato e due docenti universitari e nel comitato dei garanti, oltre a un presidente di sezione della Corte di Cassazione in pensione. E c’è anche il giornalista ligure Carlo Freccero.

Subito dopo l’ultimo decreto che estende il green pass a tutti i lavoratori del pubblico e del privato, un gruppo di persone ha cominciato a raccogliere firme per chiedere l’abrogazione della certificazione.

Secondo i promotori del referendum “il green pass esclude dalla vita economica e sociale della nazione quei cittadini che sostengono convinzioni ed evidenze diverse da quelle imposte dal Governo. Per questo motivo, la normativa che istituisce il Green Pass si pone in netto contrasto con l’art. 3 della Costituzione“.

Il green pass, inoltre, “spingendo surrettiziamente i cittadini alla vaccinazione, aggira il divieto sancito dall’art. 32 della Costituzione, secondo cui “Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario obbligatorio se non per disposizione di legge”.

La richiesta di procedere alla raccolta firme per il referendum abrogativo delle disposizioni di legge sul green pass è stata depositata presso gli uffici della Cassazione il 16 settembre. Quattro i quesiti proposti e due le possibilità per firmare: digitalmente o fisicamente nei banchetti che verranno attivati.

Per spiegare i contenuti e le ragioni del referendum e invitare i cittadini a promuoverlo è stato attivato anche un sito https://www.referendumnogreenpass.it/.

Più informazioni
leggi anche
Obbligo Green Pass sui treni
Dal 15 ottobre
Green pass, per chi non ce l’ha stop allo stipendio dal primo giorno di assenza ma niente sospensione

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.