I portuali di Terminal Alti Fondali Savona al fianco dei lavoratori di Funivie: “Prima il danno poi la beffa” - IVG.it
Solidarietà

I portuali di Terminal Alti Fondali Savona al fianco dei lavoratori di Funivie: “Prima il danno poi la beffa”

"Auspichiamo un intervento di ripristino della teleferica e non continui palliativi ai danni dei lavoratori e delle loro famiglie”

Nuovo presidio dei sindacati e dei lavoratori di Funivie a Savona

Savona. Nella giornata di ieri (giovedì 9 settembre), si è svolto il presidio dei lavoratori dipendenti di Funivie spa (LEGGI QUI).

“Un capitolo buio che, per appartenenza alla filiera e solidarietà verso chi completa il nostro ruolo, suscita nella nostra forza lavoro un grande dissenso”. Lo hanno dichiarato i dipendenti di Terminal Alti Fondali Savona, che si sono schierati al fianco dei lavoratori di Funivie. Con una solidarietà sincera, il nostro pensiero va a tutti i lavoratori e alle loro famiglie”.

Il ‘cavo’, Funivie, infatti, è storicamente ‘arto’ del terminal portuale (oggi TAFS) attraverso i quali viene sbarcato il carbone e trasportato verso la cokeria di Cairo Montenotte.

“Restiamo basiti, – hanno proseguito i portuali TAFS, – da come gli investimenti, prima per il trasferimento del terminal e dopo per la costruzione del tunnel di trasporto sottomarino per collegare TAFS a Funivie, sembrano essere messi in discussione dalla caduta di un traliccio, causa alluvione del 2019. Riteniamo inaccettabile che in 2 anni non si sia deciso di dare continuità a quegli investimenti causando il danno e la beffa”.

“Infatti da grandi investimenti di soldi pubblici ci si aspetta un rientro economico-occupazionale per il territorio e non l’utilizzo di altra spesa pubblica per attivare gli ammortizzatori sociali catapultando 70 famiglie nell’incertezza salariale”, hanno aggiunto ancora.

“La decisione dell’azienda Funivie spa, nonostante il mancato rispetto degli  accordi sulla copertura dei parchi carbone e i finanziamenti ricevuti dal Governo,  di attivare l’iter per i licenziamenti, poi ritirata in un secondo momento dopo la notizia della proroga della cassa integrazione per il terzo anno consecutivo, non può soddisfare i lavoratori, anzi induce alla conclusione che la  soluzione c’è ma non la si vuole attuare”, hanno concluso. 

I portuali TAFS, inoltre, hanno auspicato “un intervento di ripristino della teleferica e non continui palliativi ai danni dei lavoratori e delle loro famiglie”.

leggi anche
Funivie Savona
Appuntamento
Funivie, decisivo il “faccia a faccia” tra i sindacati e il commissario Riva
Benveduti funivie
Incontro
Funivie, l’assessore Benveduti: “Pronto con picco e pala a mettere su i piloni”
Nuovo presidio dei sindacati e dei lavoratori di Funivie a Savona
Quasi due anni
Funivie, l’allarme dei sindacati: “Tempo scaduto. L’azienda è la sola responsabile, intervenga il ministero”
Funivie Savona
Lettera
Funivie a rischio chiusura: “Chiesto incontro urgente al Ministero per salvare la filiera delle rinfuse”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.