Ex hotel Pescetto di Celle, presentato esposto firmato anche dal senatore Nicola Morra - IVG.it
Ricostruzione

Ex hotel Pescetto di Celle, presentato esposto firmato anche dal senatore Nicola Morra

I punti chiave

Operaio muore caduto da ponteggio Finalpia

Celle Ligure. Continua a essere attenzionato il caso legato all’autorizzazione per la demolizione e la ricostruzione dell’ex hotel Pescetto di Celle Ligure. E’ stato infatti presentato un esposto che vede come primo firmatario il senatore Nicola Morra, presidente della Commissione Parlamentare Antimafia.

In breve, la “Provincia di Savona aveva annullato le autorizzazioni a costruire il sito cellese, la proprietà e il Comune avevano fatto ricorso al TAR e quest’ultimo ha confermato l’annullamento di entrambi i permessi. Il Comune ha così poi rilasciato un nuovo permesso e i lavori sono proseguiti”.

Secondo l’esposto ci sono alcuni punti chiari: “il TAR ha confuso le cifre e il volume è davvero aumentato di una notevole quantità, che però non è stata denunciata con chiarezza dalla Provincia; il TAR ha rilevato delle ‘oscurità’ nel progetto approvato, riguardanti proprio il volume, che da sole avrebbero portato all’annullamento di tutto, senza tante storie, ma che non sono state evidenziate a dovere dalla Provincia”. Ancora, “le norme relative alla pericolosità idraulica impongono che siano eliminati tutti i pericoli: invece rimane l’ingresso alle scale ed all’ascensore a quota troppo bassa senza vie di fuga”. Nello stesso esposto si evidenzia, inoltre, come il Comune abbia l’obbligo di verificare tutto e se si tratti di lottizzazione.

In conclusione, coloro i quali hanno firmato l’esposto notano come “il presidente della Commissione Antimafia, una delle principali cariche dello Stato, abbia deciso di diventare primo firmatario, parte attiva nei procedimenti che si vogliono attivare, responsabile dei contenuti degli scritti”.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.