Estate di controlli e prevenzione della criminalità nel savonese: 53 arresti e 382 denunce dei carabinieri - IVG.it
Bilancio

Estate di controlli e prevenzione della criminalità nel savonese: 53 arresti e 382 denunce dei carabinieri

Un totale di 5.420 servizi che hanno coinvolto tutti i reparti operativi dell'Arma: attenzione all'ambiente e ai rifiuti

Savona. Nel corso delle attività finalizzate alla prevenzione e al contrasto di ogni forma d’illegalità, i carabinieri della provincia savonese hanno svolto 5.420 servizi perlustrativi nell’estate 2021 con il supporto del Nucleo Elicotteri di Villanova d’Albenga e delle unità cinofile. Ecco il bilancio operativo: 53 arresti, 382 denunce, 27.613 persone identificate e 16.446 veicoli controllati (429 contravvenzioni e 23 sequestri).

Sul fronte del sequestro di sostanze stupefacenti: 6 kg di marijuana, 310 grammi di cocaina, 5 grammi di eroina, 200 grammi di hashish, 25 grammi di droghe sintetiche e due piante di marijuana.

Per quanto riguarda il numero di richieste pervenute al numero telefonico 112 si arriva a 3.253 chiamate (di cui: 61 per incidenti stradali; 37 per reati in atto; 45 per reati tentati e 130 per reati consumati; 86 per dissidi privati; 27 per soccorso e 2.867 per informazioni e motivi vari).

I militari hanno effettuato vari servizi coordinati di controllo del territorio, anche con modalità ad “alta visibilità”, finalizzato al contrasto dell’illegalità diffusa, soprattutto nelle zone della movida e nei luoghi di aggregazione di giovani e turisti. In particolare, i carabinieri hanno svolto numerosi controlli nelle aree nevralgiche del territorio, dove stazionano o transitano maggiormente persone dedite a commettere reati contro il patrimonio, quali furti e rapine, spacciatori e consumatori di sostanze stupefacenti e/o abuso di sostanze alcoliche: tra queste gli ingressi ed uscite autostradali, porti, parchi cittadini e stazioni ferroviarie, dove ogni giorno giungono tanti giovani, anche minorenni, principalmente dal Piemonte e dalla Lombardia, attuando significativi e diffusi dispositivi per contrastare i fenomeni illeciti, che vedono sempre più coinvolti soggetti in giovane età, spesso inconsapevoli dei rischi e delle conseguenze a cui si espongono.

Esaminando, invece, i dati relativi all’attività di prevenzione e contrasto agli illeciti in materia ambientale svolta dalle undici stazioni Carabinieri Forestali dislocate nel savonese e dai militari del NIPAAF (Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale), risulta che, per il periodo estivo, particolarmente incisiva è stata l’azione nei confronti del fenomeno degli incendi boschivi e di vegetazione. Dalla rilevazione dei dati territoriali di competenza, risultano 15 incendi che hanno percorso poco più di 10 ettari di superficie boschiva: si tratta di risultati incoraggianti raggiunti anche grazie all’attenzione dei cittadini, alla tempestività degli interventi e all’andamento climatico stagionale.

In tutto 9 persone sono state denunciate per reati connessi all’illecita gestione di rifiuti e sono state contestate 33 sanzioni amministrative per complessivi 19.300 euro nell’ambito di 281 controlli mirati.

Complessivamente i carabinieri forestali hanno effettuato oltre 1.100 ispezioni in materia ambientale, tutela dal paesaggio e degli animali, identificando oltre 350 persone e contestando complessivamente 41.000 euro di sanzioni amministrative.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.