Crisi aziendali del savonese, Cisl: "Risolvere le vertenze e occuparsi di logistica, portualità e turismo" - IVG.it
Riflessione

Crisi aziendali del savonese, Cisl: “Risolvere le vertenze e occuparsi di logistica, portualità e turismo”

Il coordinatore provinciale della Csil Simone Pesce fa un quadro della situazione economica savonese

Funivie Savona

Savona. “Per quanto riguarda le crisi aziendali occorre quanto prima risolvere le vertenze più urgenti riguardanti il futuro delle Funivie attualmente non operative ed a rischio chiusura, in attesa di un piano di rilancio nell’ambito di un progetto di filiera e con ammortizzatori sociali in scadenza; dell’ATA che, a fronte del complicato processo di riorganizzazione, deve ancora presentare un piano industriale in grado di garantire il consolidamento dell’occupazione e le condizioni per un servizio di qualità; dei magazzini Conad di Quiliano che rischiano un graduale smantellamento ed una inesorabile chiusura se non si troveranno utilizzi alternativi; della Piaggio e della LaerH che a distanza di anni e nonostante gli innumerevoli impegni non hanno ancora potuto definire un proprio piano di rilancio per il futuro; della Sanac che, nell’ambito della vertenza acciaio, non ha potuto rilanciare la propria attività nonostante la domanda di prodotto finale”.

A ripercorrere le crisi industriali del territorio savonese è Simone Pesce, coordinatore provinciale della Cisl. “Per agevolare la ripresa economica e lo sviluppo del territorio – emerge dall’analisi del sindacato – occorre impegnarsi in un serrato calendario di confronti per definire, in maniera compiuta e senza ulteriori perdite di tempo, le tante situazioni rimaste irrisolte”.

Ma quelle citate non sono le uniche vertenze: “L’elenco, purtroppo, si infittisce se si pensa alle grandi aziende per le quali si attende ancora la definizione di piani industriali credibili per il rilancio degli stabilimenti locali, si pensi solamente a Alstom/Bombardier ed Italiana Coke per fare alcuni esempi, oppure ad interi settori quali quelli della logistica e della portualità che non sono ancora riusciti ad esprimere tutte le proprie potenzialità; del turismo e del commercio per i quali occorre individuare strategie di sostegno e rilancio; della cooperazione sociale fortemente stressato dagli effetti della pandemia e sempre più al di fuori delle regole; dell’automotive interessato da un importante processo di rinnovamento legato alla trasformazione green; delle costruzioni e dell’artigianato che posso rappresentare importanti occasioni per sostenere la ripresa”.

“Oltre alle vertenze aziendali e settoriali vi sono poi i tanti confronti aperti a livello locale per creare le condizioni utili a sostenere lo sviluppo del territorio: l’iter non ancora concluso dell’Area di crisi complessa del Savonese che necessita di un monitoraggio e di un rilancio definitivo per la realizzazione degli investimenti; gli interventi oramai improcrastinabili sulle infrastrutture stradali, autostradali e ferroviarie; il riassetto del sistema sanitario e socio-sanitario che, nell’ambito del progetto regionale complessivo, deve trovare adeguate risposte per il territorio”.

“Non per ultimo i grandi temi di carattere generale come la sicurezza sul lavoro argomento sul quale non sembra essere stata ancora accettata la sfida lanciata dal sindacato con la piattaforma unitaria presentata nei mesi scorsi; la gestione della crisi pandemica per la quale l’incertezza su alcune scelte rischia di danneggiare la ripresa economica e produttiva del Paese; il mercato del lavoro che necessita di interventi incisivi in merito alla formazione ed alle politiche attive del lavoro per dare risposte a chi cerca e a chi offre lavoro”.

“Come più volte evidenziato la Cisl ritiene che, accanto ad evidenti elementi di criticità, il territorio è in grado di esprimere importanti occasioni di sviluppo non soltanto nell’ambito dei propri confini bensì utili al rilancio competitivo della Regione e del Paese. Per tale motivo ritenendo indispensabile riprendere quanto prima il confronto, anche nell’ambito dei percorsi avviati unitariamente con Cgil e Uil – concludono – è pronta a condividere ed a sostenere le proprie proposte già a partire dagli importanti appuntamenti già calendarizzati nei prossimi giorni”.

Più informazioni
leggi anche
giovanni toti generale
Prospettive
Toti: “Funivie asset strategico con lo sviluppo portuale, Val Bormida hub delle filiere merceologiche”
Funivie
Proposta
Funivie, Pesce (Cisl): “Dare vita a un nuovo sistema integrato delle rinfuse”
Inaugurazione point elettorale Marco Russo
Preoccupazione
Funivie, Russo: “Impianto da salvaguardare e far ripartire per posti di lavoro, porto e attività della Valbormida”
Funivie Savona
Preoccupazione
Funivie, l’incubo è realtà: avviata la procedura di licenziamento dei lavoratori

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.