Impegno

Celle Ligure, pressing sul ritorno del Giro d’Italia: “Celebrare Giuseppe Olmo, vetrina ideale per il cicloturismo”

Approvato all'unanimità l'ordine del giorno in Consiglio regionale

giuseppe olmo

Liguria. “L’Assemblea legislativa della Liguria oggi ha votato all’unanimità l’ordine del giorno della Lega che impegna la giunta ad attivarsi presso gli organizzatori e tutti gli Enti competenti per riportare il Giro d’Italia in Liguria nel 2022”.

Lo hanno dichiarato i consiglieri regionali della Lega Stefano Mai (capogruppo) e Sandro Garibaldi (vice capogruppo). L’ordine del giorno era già stato depositato a fine maggio scorso, slittato e discusso nella seduta odierna.

“Il passaggio e le tappe del Giro d’Italia nella nostra regione rappresenteranno non soltanto un’importante promozione sportiva e turistica del territorio, ma anche una concreta opportunità di ripresa e crescita economica che è necessaria soprattutto a seguito della crisi per l’emergenza coronavirus”.

“Ricordiamo che dal 2015 la ‘Corsa Rosa’ non tocca più la Liguria con una tappa” aggiungono I CONSIGLIERI, l’ultima era stata infatti nelle Cinque Terre.

Nel documento si rileva che il ritorno del Giro d’Italia in Liguria si unirebbe al potenziamento dei percorsi cicloturistici in atto nel territorio regionale, con la possibile presenza di appassionati e visitatori, dunque una significativa vetrina promozionale per il turismo sportivo ligure.

Inoltre, nel 2022 ricorrono i trent’anni della scomparsa di Giuseppe Olmo, campione di ciclismo nato a Celle Ligure, l’occasione ideale per commemorare un imprenditore dello storico marchio di biciclette.

In aula alcuni consiglieri di minoranza, tra cui Sergio Rossetti (Pd), hanno ricordato i 2 milioni di euro investiti dalla giunta Burlando per organizzare il passaggio del Giro d’Italia, spesa che l’allora opposizione di centrodestra giudicò uno “spreco di denaro pubblico”, così come non mancarono attacchi dell’allora candidato presidente Giovanni Toti sui fondi messi a disposizione per l’evento sportivo.

Storicamente località rivierasche sono sempre state delle mete ricorrenti per la “carovana Rosa: Savona, Varazze e Loano. E in Liguria hanno trionfato grandi campioni come Girardengo, Binda, Bartali, Moser, Saronni, Visentini, Roche, Fignon, Virenque e Cavendish.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.