Prospettiva industriale

Alstom punta al trasporto sostenibile per il rilancio della Bombardier di Vado Ligure

Incontro con i sindacati sulle linee guida del piano industriale: locomotive DC3, power car per i treni ad idrogeno, service e manutenzione

Vado Ligure - stabilimento Bombardier

Vado Ligure. Si è svolto oggi l’incontro con Alstom per la presentazione del piano strategico per il sito di Vado Ligure della orami ex Bombardier. La missione industriale presentata dal management italiano del Gruppo si fonda su tre principali attività: produzione delle locomotive DC3 per il mercato italiano, produzione delle power car per i treni ad idrogeno per il mercato europeo, service e grande manutenzione per treni ad alta velocità e treni regionali.

“Si tratta di una missione industriale differenziata che dovrà portare stabilità occupazionale e di carico di lavoro e che necessita di un importante investimento in termini economici per il potenziamento dello stabilimento per cui sarà importante l’attenzione delle istituzioni” afferma la Fiom Cgil savonese.

“A tal proposito crediamo che anche la recente visita del Ministro dello Sviluppo Economico sia utile rispetto all’attenzione che il nostro territorio in generale ed il sito produttivo meritano. Così come sono a nostro avviso maturi i tempi per un’aggiornamento dell’area di crisi industriale complessa per cogliere le nuove opportunità che sono emerse specie in un settore strategico, anche alla luce della pandemia e delle risorse previste dal PNRR, come quello della mobilità”.

Soddisfazione, poi, sulla produzione “green”: “Riteniamo particolarmente importante, aldilà del per ora potenziale limitato impatto rispetto ai carichi di lavoro, la previsione di creare a Vado un centro di competenza sul trasporto ferroviario sostenibile nella previsione di entrare in un business che sarà rilevante prossimo futuro”.

“Le attività di manutenzione dovrebbero infine dare stabilità ad un sito i cui lavoratori hanno subito negli ultimi 9 anni un pesantissimo ricorso agli ammortizzatori sociali con conseguente perdita di retribuzione”.

“Ora è necessario che partano, dopo i troppi ritardi accumulati negli ultimi mesi, le attività di produzione dei treni Zefiro 1000 destinati al mercato spagnolo che satureranno, insieme alla produzione di altre locomotive DC3, dovrà saturare il sito sino alla fine del 2022 consentendo il rientro di tutti i lavoratori” conclude il sindacato.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.