Calcio giovanile

Torneo Nazionale “Fiore del Baldo”: ancora un rinvio che fa male al cuore

Lo speciale del Ct Vaniglia

Torneo Nazionale “Fiore del Baldo”

Questa dell’agosto 2021 poteva essere la 15° edizione della manifestazione calcistica giovanile riservata alla categoria esordienti ma, come nella scorsa stagione, causa Covid-19, gli organizzatori non se la sono sentita (e giustamente) di rischiare. Dopo 13 capolavori consecutivi l’evento divenuto nel frattempo un importante punto di riferimento per l’intero movimento si è quindi dovuto per la seconda volta arrendere alla dura realtà della pandemia ancora in corso.

Si rimpiangono quei bei giorni sereni in cui giovani calciatori provenienti da tutta Italia (professionisti e non) si sfidavano sulle orme dei campioni del passato in un’atmosfera di gioco, di amicizia e di puro divertimento. Il torneo (che è anche valido quale “Memorial Bepi Duo”) è nato sotto la spinta di alcuni appassionati locali, in primis il deus ex machina Mario Carpi, sia per rilanciare l’immagine di Brentonico sotto il profilo turistico (quello sportivo in questo caso) sia per mettere in luce i migliori vivai, sia per onorare la prestigiosa storia di ritiri calcistici sul noto altopiano, il quale ha ospitato la preparazione estiva di squadre quali il Mantova, l’Inter, il Verona, il Milan, il Piacenza, l’Atalanta, l’Entella, il Chievo sino ad arrivare al Monza di Galliani e Berlusconi. D’altronde l’impianto di Santa Caterina con doppio campo a 11 in erba naturale ed in sintetico, immerso nel cuore del Parco del Monte Baldo, si presta ad intrattenere kermesse di questo genere.

Anche l’Atalanta (ricordando che la cara Bergamo è stata una delle città più martoriate dall’implacabile virus) ha dovuto rinunciare al suo tradizionale buen retiro precampionato con le sue giovanissime leve per gli stessi motivi e spera vivamente di potervi fare presto ritorno in completa sicurezza. Ciononostante, pur tra mille difficoltà, la tenacia montanara unita allo spirito di ripresa ha indotto la piccola comunità a non rassegnarsi e anzi, è di questi giorni (esattamente del 24 agosto) la bella notizia che per il tramite di un’apposita assemblea costitutiva è stata fondata la “Pro Loco Brentonico Monte del Baldo”, in pratica una associazione di promozione sociale (Aps) che si prefigge tra i suoi scopi di organizzare attività ed iniziative innovative. Coraggio dunque popolo brentegano: ci vuol ben altro per piegarvi!

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.