Test

Tamponi gratuiti per chi non può fare il vaccino. E in Liguria è boom di richieste alle farmacie

Approvato in Regione ordine del giorno di Pd-ArtUno, Arboscello: "Una misura per l’interesse dei cittadini liguri e per impiegare al meglio le risorse a disposizione"

Il punto tamponi drive-trough di Cairo

Regione. In Consiglio regionale è passato all’unanimità l’ordine del giorno del gruppo Pd-Articolo 1, che il consigliere regionale Roberto Arboscello ha presentato come primo firmatario, per “garantire la gratuità dei tamponi ai soggetti impossibilitati all’assunzione del vaccino anti Covid-19”.

“Abbiamo ottenuto quindi dalla giunta Toti, di impegnarsi su questo fronte, per consentire mobilità e socialità in sicurezza alla maggior parte della popolazione ligure, anche quella che per età o particolari condizioni sanitarie, a causa di patologie pregresse, è impossibilitata a ricevere il vaccino”.

“Una misura concreta e imprescindibile, per l’interesse dei cittadini liguri e per impiegare al meglio le risorse a disposizione. Con il fine ultimo e condiviso di arginare la pandemia e mettere in sicurezza la Regione e i tutti i contesti sociali”, conclude Arboscello.

Al momento in Liguria è già attivo un accordo per effettuare tamponi rapidi in farmacia a prezzo calmierato tra i 20 e i 35 euro a seconda della tipologia del test, con un boom di richieste negli ultimi giorni.

“Da quanto esiste l’accordo abbiamo effettuato circa 45mila tamponi, segno che anche il prezzo attuale è accettato di buon grado – spiega Giuseppe Castello, presidente di Federfarma Genova -. I colleghi mi hanno riferito che negli ultimi giorni la richiesta è aumentata per alcuni motivi: i matrimoni e le feste che si concentrano in questo periodo, le partenze per le vacanze e il green pass che dal 6 agosto sarà richiesto per molte attività”.

A breve dovrebbe entrare in vigore a livello nazionale un protocollo per un prezzo calmierato che potrebbe essere ancora più basso (si parla di 15 euro a tampone per quelli di prima generazione, che sono anche meno precisi): La bozza di intesa tra ministro della Salute, commissario straordinario per l’emergenza, Federfarma, Assofarm e FarmacieUnite sarà tra i testi all’esame della Conferenza delle Regioni straordinaria convocata a Roma dal presidente Massimiliano Fedriga domani (4 agosto) alle 9.30.

“La sostenibilità del prezzo calmierato dipende da vari fattori, tra cui il prezzo di acquisto per le farmacie – spiega ancora Castello -. Noi abbiamo un ricarico obbligatorio sul servizio, alcuni pagano infermieri o personale specifico. Se ci verremo incontro con le aziende che li distribuiscono, credo che con 15 euro si possa soddisfare la richiesta”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.