Savona 2021, la ricetta di Europa Verde per il dopo-Caprioglio - IVG.it

Lettera al direttore

Lettera

Savona 2021, la ricetta di Europa Verde per il dopo-Caprioglio

L'analisi di Danilo Bruno

comune savona

E’ noto a tutte e a tutti meno che alla ” Sindaca in dismissione ” e ai suoi alleati che Europa Verde- Verdi per quindici anni è stata coerentemente all’opposizione del centrosinistra, contestando alla radice le scelte urbanistiche e sociali compiute dopo una breve e fugace alleanza nel primo mandato della Giunta Berruti.

Negli ultimi cinque anni Europa Verde- Verdi ha lavorato per favorire una alternativa unitaria di tutta l’opposizione chiedendo sostanzialmente tre cose:

 a) una netta inversione di tendenza sulle scelte urbanistiche, puntando all’opzione zero per l’edilizia abitativa a patto che non si tratti di co- housing,social housing,edilizia popolare o agevolata e recupero edilizio.Tutto ciò nell’ottica di una pianificazione territoriale, che ponga al centro il piano urbanistico comunale e soprattutto lasci alla mano pubblica la scelta sul se e quando costruire o ristrutturare;

b) una netta opzione per raccolta differenziata spinta e porta a porta puntando all’opzione rifiuti zero e soprattutto al riuso,al recupero e al riciclo del materiale, lavorando insieme al polo universitario per la ricerca di nuovi prodotti e tecnologie;

c) una scelta di forte investimento sulla cultura per la rinascita civile e sociale di Savona,che deve tornare ad essere il capoluogo di provincia e il punto di riferimento del proprio comprensorio.

In questa logica ci siamo incontrati con le proposte di il Rosso non è il nero , individuando anche nella scarsa sollecitazione dell’elettorato della sinistra una delle cause della disfatta del centrosinistra alle ultime comunali. Da qui è nato un comune progetto, che affronta numerosi nodi cittadini, compresi quelli dei diritti animali e a seguire l’incontro con il Patto di Marco Russo e con la sua Agenda,che da’ risposte precise alle nostre idee a cominciare dall’utilizzo del territorio fino alla scelta di candidare Savona a capitale italiana della cultura.

Da queste valutazioni di iscritti e iscritte nasce la nostra decisione di sostenere Marco Russo e di optare per una lista civica,che sia fattore di unione per l’elettorato e per costruire una nuova cittadinanza attiva, pacifista,sociale,europeista insomma quella cittadinanza ,che nasce dal Manifesto di Ventotene e dal documento di fondazione della Giovine Italia perché noi sappiamo distinguere fra democratici , liberali e sovranisti ( Le Pen e Orban) nonché fra partigiani e camicie nere anche perché siamo orgogliosi della festa del 25 aprile mentre la destra savonese e il suo candidato dott.Schirru ci devono ancora spiegare cosa pensano a proposito e giacché ci sono potrebbero anche spiegarci per inciso perché Savona sia sempre più sporca, delusa,stanca e abbandonata a se stessa e soprattutto,  se questi sono stati i cinque anni di sfolgorante governo, ci si augura di non vederne altri.

Danilo Bruno (Europa Verde) 

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.