Ripartenza e rilancio

Esoneri contributivi e nuovi bandi Psr, CIA Savona: “Le priorità immediate per il settore agricolo”

Il direttore Osvaldo Geddo: “Sostegno e assistenza alle filiere agricole per cogliere importanti opportunità”

Agricoltura generica

Savona. Esoneri contributivi Inps e riattivazione dei bandi Psr per il settore dell’agricoltura: queste le priorità per CIA Savona in vista dei mesi autunnali.

Nel savonese, stando ai dati di CIA Savona, si parla di oltre 2.500 imprese agricole potenzialmente soggette agli aiuti che prevedono sgravi contributivi: “Entro la fine di settembre, dopo che Inps ha inoltrato le circolari e le procedure applicative, è necessario presentare le domande, ricordando che oltre a categorie agricole per le quali è previsto un esonero totale, per le imprese le agevolazioni riguardano le mensilità da novembre 2020 a febbraio 2021” afferma il direttore CIA Savona Osvaldo Geddo.

“CIA Savona e patronato Inac stanno Già svolgendo una azione di assistenza e consulenza fiscale-contributiva per sostenere le domande di esonero Inps entro il 30 settembre, e si preparano per le richieste di sgravi contributivi estesi a tutte le altre imprese, subordinati a istruzioni operative dell’Inps non ancora pubblicate, una occasione da non perdere dopo l’emergenza pandemica e in prospettiva futura”.

Altro aspetto importante la riattivazione dei bandi Psr rivolti alle aziende agricole per sostenere così i nuovi investimenti necessari per la ripartenza del settore e delle filiere agricole: “Riguardo la proroga al 2022 dei bandi 2014-2020 con un impegno di spesa di 104 milioni di euro: la Regione ha già inoltrato la documentazione a Bruxelles e, stando a quanto trapelato, dovrebbe arrivare una risposta positiva entro la fine di settembre”.

“In questo modo per la fine dell’anno Regione Liguria dovrebbe aprire il bando per giovani imprenditori agricoli (Premio Giovani) e per gli investimenti delle aziende delle varie filiere agricole, due misure indispensabili per traghettare al meglio la ripresa e la ripartenza di tutto il comparto” aggiunge Geddo.

“Infine, auspichiamo che la Regione Liguria possa dare seguito alle delibere del giugno 2020 per completare la liquidazione di quelle pratiche giudicate ammissibili ma rimaste fuori dai finanziamenti Psr per una mancanza contingente di risorse. Con uno scorrimento delle graduatorie speriamo che molti operatori agricoli trovino risposte positive, anche grazie ai 104 milioni di euro che dovrebbero essere a disposizione a livello regionale”.

“Dobbiamo sostenere con forza il ricambio generazionale, gli ammodernamenti aziendali e le misure che spingono verso uno sviluppo sempre più sostenibile, innovativo e green”.

“CIA Savona seguirà con attenzione la procedura in atto sui bandi Psr dando massima informazione, assistenza e consulenza a imprese e iscritti” conclude il direttore Geddo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.