Di nuovo

Usa ambulanza della Croce Bianca di Albenga come dimora notturna, secondo furto: fermato dai carabinieri

Si tratta di un ragazzo di 25 anni. Ora dovrà rispondere di furto d’uso e danneggiamento

Albenga. Aveva rubato un’ambulanza della Croce Bianca di Albenga la scorsa notte, ma poi il mezzo era riapparso l’indomani con alcuni danni alla carrozzeria e agli interni. E questa notte l’episodio si è ripetuto: B.C., 25enne di origini marocchine, ha “preso in prestito” un Porter e lo ha parcheggiato nel piazzale di fronte alla sede della pubblica assistenza ingauna. I militi, vedendo il mezzo nel parcheggio, hanno subito capito che c’era qualcosa che non andava e hanno segnalato l’accaduto ai carabinieri, il cui intervento è stato tempestivo.

Il ragazzo, senza fissa dimora, è stato trovato mentre dormiva all’interno dell’ambulanza. All’arrivo delle forze dell’ordine, ha ammesso di essere stato l’autore anche del furto momentaneo del giorno prima e di aver sbattuto “da qualche parte” senza ricordare altro.

Ha poi confessato di utilizzare l’ambulanza come giaciglio per la notte senza porsi minimamente il problema che poteva servire per qualche urgenza. Ora dovrà rispondere di furto d’uso e danneggiamento innanzi al Tribunale di Savona.

Da indiscrezioni, sembrerebbe inoltre che il giorno precedente, mentre era alla guida dell’ambulanza Fiat Ducato rubata, abbia causato un incidente con un furgone.

Si tratta di un giovane già conosciuto dai volontari della Croce Bianca di Albenga, in quanto – come raccontano – “era solito recarsi nella zona per chiedere l’elemosina e infastidire i militi”.

“E’ stata chiarita una vicenda con molti aspetti insoliti, che offre uno spaccato sui disagi sociali che portano addirittura ad utilizzare mezzi di pubblico soccorso quale ricovero per la notte – commenta il Tenente colonnello Lugibello – Ora cercheremo, con l’aiuto di altre istituzione, di fornire assistenza al ragazzo”.

leggi anche
furto ambulanza
Raid
Rubano e danneggiano ambulanza della Croce Bianca di Albenga

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.