Trasporto ferroviario

Trenitalia, sui binari della Liguria due nuovi Rock e Pop. Berrino: “Capienza al 100% per evitare sovraffollamento”

Sono in tutto 26 i nuovi treni consegnati alla Regione

treni rock e pop

Liguria. Sui binari della Liguria sono in circolazione da oggi due nuovi treni un Rock e un Pop. Con questo arrivano a quota 26 i nuovi treni consegnati da Trenitalia ( Gruppo FS) alla Regione Liguria e superando la metà del numero totale stabilito.

Nuovi treni previsti dal contratto di servizio sottoscritto da Regione Liguria e Trenitalia, che rinnoveranno la flotta regionale, facendo scendere l’età media a cinque anni.

Come stabilito dalle attuali norme in tema di trasporto pubblico locale, anche su questi treni è prevista una capienza massima dell’80% dei posti per cui il mezzo è omologato, ossia 1.174 passeggeri, di cui 609 seduti per il treno Rock, mentre sui treni Pop è possibile accogliere 402 viaggiatori di cui 305 seduti.

Nel fine settimana, sono complessivamente 602.900 posti, i posti offerti sui treni regionali di Trenitalia in circolazione in Liguria, a cui se ne aggiungono 220mila sui collegamenti attivi tra Liguria, Lombardia (60mila) e Piemonte (160mila).

“Con i due nuovi treni regionali che da oggi circolano in Liguria, siamo arrivati a 26 sui 48 che saranno consegnati entro la fine del 2023, come previsto dal contratto di servizio sottoscritto tra Regione Liguria e Trenitalia nel 2018 e che stiamo rispettando” dichiara l’assessore regionale ai Trasporti Gianni Berrino.

“Sono contento che grazie a questi nuovi treni, più comodi e moderni, l’età media dei convogli liguri si abbasserà notevolmente. In merito alle segnalazioni di sovraffollamento – aggiunge Berrino – bisogna assolutamente riportare la capienza di tutti i treni al 100%”.

“Il trasporto regionale già limitato all’80%, infatti, non può accogliere sui propri treni tutte quelle persone che non trovano posto su Intercity e Frecce dove la capienza è appena al 50%. Il Governo deve provvedere immediatamente e mettere fine a questa discrepanza senza senso” conclude.

E proprio sui treni affollati, dopo l’episodio di ieri pomeriggio, successivamente è stato il regionale 3384, in partenza da Genova Brignole alle 19.35 e diretto a Ventimiglia, ad essere stato fermato per sovraffollamento: il convoglio è ripartito con 25 minuti di ritardo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.