Teatro, musica, arte, buona tavola e incontri letterari: un raffinato sabato di eventi in provincia - IVG.it
Noblesse oblige

Teatro, musica, arte, buona tavola e incontri letterari: un raffinato sabato di eventi in provincia

Colpi di scena nella commedia "Ti ricordi di me?" a Verezzi, suggestive sonorità all'Andora Blues Festival

In occasione della cerimonia d’apertura della XXI Olimpiade di Montréal, in Canada, il 17 luglio 1976 la televisione italiana iniziò le trasmissioni sperimentali a colori. Quasi mezzo secolo dopo seguiremo (speriamo!) i secondi giochi a cinque cerchi nipponici non solo su televisori ormai da mo’ multicolor ma su ogni tipologia possibile e immaginabile di “apparecchi”. Tuttavia dovremo “penare” ancora qualche giorno: nell’attesa facciamoci deliziare dalla raffinatezza e dalla garanzia di affidabilità degli eventi di questo sabato di metà luglio in provincia.

Al Festival Teatrale di Borgio Verezzi andrà in scena in prima nazionale la commedia “Ti ricordi di me?” del drammaturgo statunitense Sam Bobrick. Andrea e Camilla, marito e moglie non più giovani ma ancora innamorati, vivono una vita tranquilla e serena, hanno successo nel lavoro, una bella villa con vista sul lago e due figli grandi e indipendenti. Una mattina suonano alla porta: Camilla, sola in casa, va ad aprire e davanti a lei si presenta Stefano Lorenzi, un ex compagno dei tempi dell’università con il quale ha avuto una grande storia d’amore.

Palazzo Tagliaferro ospita l’Andora Blues Festival, un mix di esibizioni che ha conquistato di anno in anno un pubblico fedele. Importanti esponenti del mondo del blues stimoleranno ancora una volta l’attenzione su questo linguaggio musicale alla base delle più importanti forme stilistiche passate e odierne. Sabato saliranno sul palco i favolosi Superdownhome insieme ad Elizabeth Lee e Maurizio Gnola. Ancorati alla tradizione del blues rurale, i Superdownhome aggiungono la loro personale ispirazione fatta di elementi rock’n’roll, country, folk e punk. Seasick Steve e Scott H. Biram sono due fra gli artisti che più li hanno ispirati.

Ad Albenga si terrà l’inaugurazione del monumento “Partigiani cantano ‘Fischia il vento'”, realizzato dall’artista Flavio Furlani e donata al Comune dal professor Nicola Nante in memoria del padre, medico, partigiano e imprenditore Libero. L’opera in bronzo rappresenta la medaglia d’oro al valor militare Felice Cascione insieme alla sua squadra partigiana mentre cantano “Fischia il vento”, definita “la canzone più nota e importante nella lotta di liberazione” da Roberto Battaglia nella sua “Storia della Resistenza italiana”. I volti sono trasfigurati dal grido di dolore di giovani costretti ad uccidere od essere uccisi.

Ad Alassio Saverio Teruzzi, esponente della Città dell’Arte di Biella e nipote di Michelangelo Pistoletto, coordinerà un flash mob dedicato al segno simbolo dell’artista: “Il Terzo Paradiso”. I presenti si disporranno in modo tale da formare la figura geometrica e ricreare il simbolo della rinascita dopo la pandemia con torce elettriche. “Il simbolo non è soltanto un disegno o una semplice immagine ma rappresenta un progetto trasversale che coinvolge chiunque e diversi ambiti della società – spiega Teruzzi – Arte e spiritualità vanno di pari passo creando un luogo di riflessione laico aperto a tutti”.

A Vado Ligure si terrà la Sagra Gran Fritto e Muscolata con la partecipazione del Gruppo Alpini di Vado-Quiliano, che si occuperà della pulitura dei mitili. Il menù comprende lasagne al pesto o al ragù, spaghetti allo scoglio, muscoli, fritto di calamari e/o acciughe, pesce spada, salsiccia, formaggetta, cundigiun, tiramisù e macedonia con gelato. Si torna a sedersi ma la prenotazione è obbligatoria telefonicamente ed è possibile anche prenotare piatti da asporto.

A Savona il capogruppo di Liberi e Uguali – Articolo Uno Federico Fornaro presenterà il suo nuovo libro “2 giugno 1946. Storia di un referendum”. In quella data l’Italia passò dalla monarchia alla repubblica e per la prima volta votarono anche le donne. Il passaggio dalla dittatura alla repubblica fu una fase complessa e contraddittoria che nel volume viene riletta alla luce del dibattito sulla questione istituzionale e del controverso approdo alla scelta referendaria e analizzando la competizione tra gli alleati inglesi e americani per l’egemonia sul Mediterraneo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.