Allarme

Sicurezza, Silp Cgil-Uil: “Sistema al collasso, rinforzi promessi mai arrivati”

"Risorse all'osso: si va avanti solo per lo spirito di abnegazione dei colleghi"

Generica

Provincia. “Treni al collasso. Viaggiatori in balia di mille disagi. Una struttura ferroviaria anacronistica ed una rete viaria che sembra una groviera. Migranti che cercano fortuna passeggiando per l’A10 o facendosi guidare da una strada ferrata che sembra finire nell’ignoto. Un sistema sicurezza al collasso, con risorse ridotte all’osso che attendono i rinforzi promessi ma ancora non arrivati. Agosto alle porte ed i vertici che annaspano per cercare di trovare la quadra di una situazione esplosiva”.

E’ questo, secondo il segretario provinciale della Silp Cgil-Uil Polizia Luigi Sanguineti, lo “spaccato di una realtà, soprattutto per le specialità come la Polizia stradale o ferroviaria, che sta andando avanti solo per lo spirito di abnegazione dei colleghi. Colleghi con le spalle gravate da doppi turni che non possono essere accettati da un sindacato che ha sempre chiesto il rispetto delle regole rappresentando, in anticipo, ciò che oggi si è trasformato in triste realtà”.

I sindacalisti sono “i capofila di una battaglia per la sicurezza che ora abbiamo spostato sui tavoli romani, da cui attendiamo urgenti provvedimenti. Non bastano i reparti aggregati che a fatica sono arrivati, c’è bisogno di ben altro come poliziotti che devono essere assegnati agli uffici di polizia della provincia in modo stabile”.

“Le azioni per chiedere conto di questa grave responsabilità sono state già avviate”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.