Savona, Simone Marinelli ancora duro contro Vadese, Polisportiva e Priamar, arrivano le scuse per Giuliano - IVG.it
Sport

Savona, Simone Marinelli ancora duro contro Vadese, Polisportiva e Priamar, arrivano le scuse per Giuliano

Muro contro muro tra il vicepresidente e i tre sodalizi, mentre per il sindaco Giuliano arriva il dietrofront

 Simone Marinelli

“Secondo voi sono un pazzo? Secondo voi mi diverto a litigare con il mondo? O secondo voi alzo la voce per far rispettare quello che nessuno sta rispettando, ovvero la storia della squadra della nostra città? Mi hanno risposto tutti, tutti uniti e compatti, ora rispondo io a tutti contemporaneamente”, inizia così la controreplica del vicepresidente del Savona Simone Marinelli alle puntualizzazioni delle società che aveva messo nel mirino per la questione campi da gioco.

La Priamar Liguria ha minacciato vie legali per tutelare l’immagine di Gianfranco Pusceddu, tecnico alla guida del settore giovanili rossoblù. Così Marinelli sulla questione: “Il signor Pusceddu mi ha promesso le vie legali ? Per cosa? Per avere detto alla città la fascia oraria che mi ha offerto ? Ci vedremo in tribunale e faremo il primo processo in Italia per denuncia di fascia oraria” .

Poi, dito puntato contro la Vadese, con cui le ruggini risalirebbero a circa un anno fa, in fase di redazione dei calendari di Prima Categoria. “La Vadese vuole delle prove? Ad agosto dello scorso anno abbiamo preso appuntamento con il Centro Nautico Vadese per allenarci sulla spiaggia e fare un apericena con la squadra, siamo entrati alle ore 18 e l’allenatore della stessa Vadese ci ha fatto cacciare dalla struttura dai suoi soci. Letteralmente cacciare, proprio in maniera fisica, trattando i miei ragazzi come bestie, con i suoi soci del Centro Nautico Vadese che dicevano ‘andatevene a Savona non rompeteci qua’ e suscitando così la reazione del gestore oltre che a lui un danno economico visto che aveva già preparato l’apericena. Lo stesso allenatore della Vadese, prima che uscissero i gironi  di Prima Categoria. aveva fatto uno show minacciando mari e monti se fossero andati loro nel girone della riviera di ponente e il Savona fosse rimasto nel girone di Savona e Val Bormida. Lo stesso allenatore ci minacciò lo scorso anno di non permetterci di trattare con i loro giocatori. Lo stesso che polemizza se chiediamo di giocare a Vado? Vogliono le prove ? Ci sono almeno cento persone che possono confermare queste cose realmente successe e non frutto della mia fantasia”.

Non manca la seconda controrisposta al presidente Pastorelli: “Veniamo al signor Pastorelli, che dichiara di avere chiuso i rapporti con il Savona calcio, dopo che io, ripeto, avevo detto che mi sarebbe andato bene qualsiasi giorno a qualsiasi orario. Le sue parole sono state ‘non abbiamo spazi per altre squadre al di fuori delle nostre’ e dopo tre giorni ufficializzano la Vadese, sempre la Vadese anche qua che casualità. Poi lo stesso signor Pastorelli mi girò i documenti per dare contro Scaramuzza, come da foto della chat (il riferimento è ai documenti relativi alla questione dei fondi del meeting di atletica Ottolia).

“Perché – prosegue Marinelli – come da messaggi intercorsi avrebbe voluto candidarsi lui al suo posto e diciamo che me li girò per aiutare a farlo sfigurare davanti alla città. Io ero contro di lui in quel momento ma con il senno di poi sbagliai mossa”.

Marinelli attacca Pastorelli

La foto inviata da Marinelli alla nostra redazione

Marinelli conclude: “Vogliono prove e io le faccio vedere, non prendetemi per pazzo se mi metto contro lo faccio per la nostra squadra che evidentemente suscita qualcosa perché altrimenti i comportamenti di certe persone sarebbero inspiegabili ma io non mi fermo, le mie chat sono disponibili per tutti, mi scuso ancora una volta con Maurizio Scaramuzza se mi ero scagliato contro e dico la verità in qualche chat ti davo contro caro assessore ma come sai ci siamo chiariti e ho capito, come vanno a dover di cronaca fatte le scuse alla sindaca Giuliano, avevo sbagliato persona da attaccare ma ora da questa mia risposta avrete capito chi era che andava attaccato, e ancora una volta devo ringraziare tutto il Legino calcio per l’amicizia dimostrata verso il mio Presidente, il mio ragioniere e la nostra squadra . Ora non intendo più rispondere a nessuna altra accusa o intimidazioni ci sono i miei legali se mi cercate, ho da vincere sul campo non ho più tempo per ste bambinate. Forza Savona” .

leggi anche
 Simone Marinelli
Senza mezzi termini
Savona, il vicepresidente Marinelli ne ha per tutti: “L’accordo con il Vado per il campo vanificato dal sindaco Giuliano”
Palasport quiliano
Botta e risposta
Polisportiva Quiliano, Pastorelli sulle parole di Marinelli: “Non ce ne facciamo nulla dei soldi, a Quiliano dirigenti seri”
Vadese Calcio 2018: l'inaugurazione della nuova sede
Il punto della società
La Vadese prende posizione dopo l’attacco di Marinelli: “Ci aspettiamo delle scuse”
Priamar Vs Murialdo
Sport
La Priamar lapidaria contro Marinelli: “Prendiamo atto, non escludiamo vie legali”
arcigay - scaramuzza
Polemica savona-vado
Marinelli offende Giuliano in un video, Arcigay: “Scaramuzza lo difende, scandaloso”
Sergio Brunasso
Rispetto degli accordi
Vadese, la sfuriata di Marinelli non fa cambiare idea: sarà il Picasso di Quiliano il campo degli azzurrogranata

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.