Iter

Raccolta rifiuti a Savona, con la nuova società 2,5 mln ad Ata: “Debiti coperti, garanzie per i lavoratori”

E' in uscita il bando per la selezione della società che comprerà il 49% delle quote

bidoni mastelli differenziata

Savona. Il servizio di igiene urbana ha fatto un passo avanti verso la nuova gestione. Infatti, oggi, con delibera di giunta, si è dato seguito agli atti necessari e conseguenti il funzionamento della newco Sea-s S.r.l. costituita il 9 giugno. La nuova società gestirà il servizio dal prossimo anno nel Comune di Savona. Al momento è di proprietà di Ata S.p.A. al 100%.

Nei prossimi giorni verrà pubblicato il bando, sia sulla Gazzetta Ufficiale Italiana che Europea, per la selezione di un’azienda privata che parteciperà alla newco con il 49% delle quote. Ad Ata rimane il restante 51% e guadagnerà dalla vendita alla società entrante oltre 2 milioni e mezzo di euro (2.536.000).

Il bando è suddiviso in due parti: la prima riguarda l’affidamento della gestione del ciclo dei rifiuti e la seconda la contestuale cessione de 49% delle quote della società.

Il Comune di Savona sarà l’unico a rimanere escluso dal bacino unico (Ambito territoriale ottimale) per il quale sarà previsto a partire dal 2022 l’affidamento in house per la gestione del servizio di raccolta differenziata.

Il commento dell’assessore Montaldo

“E’ stata una procedura molto complessa – sottolinea l’assessore alle partecipate Silvano Montaldo -. E’ infatti una gara atipica perché con doppio oggetto, si cerca un socio e si affida un servizio, tra l’altro di importanza notevole per i prossimi 15 anni. I ringraziamenti del sindaco e miei vanno a tutta la struttura del Comune di Savona, a tutti gli organi della Procedura Concorsuale ed all’amministratore di Ata, dottor Tapparini per il complesso e minuzioso lavoro svolto”.

“Mi auguro – auspica Montaldo – che sia il primo tassello per dare tranquillità ai lavoratori di Ata e dare alla città di Savona un sistema di igiene urbana degno. Con l’incasso ottenuto dalla vendita si potranno pagare i creditori”.

Il piano industriale presentato da Contarina S.p.A

Il nuovo piano rifiuti è stato presentato il 21 dicembre, nella Prima Commissione Consigliare da Contarina S.p.A., l’azienda a cui il Comune di Savona e Ata hanno affidato il piano industriale: una società di Treviso, a partecipazione pubblica, specializzata nella gestione del ciclo integrato dei rifiuti.

Una vera e propria rivoluzione della gestione dei rifiuti che comporterà, tra le principali novità, la raccolta porta a porta e l’applicazione della tariffa puntuale (attraverso il dispositivo transponder Rfid) che permetterà a ciascun cittadino di pagare in proporzione alla quantità di rifiuti che produce. La prima, invece, riguarda il servizio che prevede il ritiro, presso ciascun “civico”, dei rifiuti in determinati giorni e ore, ad eccezione del vetro, per cui continueranno a essere disponibili le “campane” in strada.

Per chi non riuscisse a sfruttare gli orari per il ritiro porta a porta sarà predisposto un “ecobus”, un servizio di raccolta rifiuti itinerante, con pause di trenta minuti nelle apposite fermate, dove i cittadini potranno portare i rifiuti al di fuori degli orari prestabiliti del ritiro a domicilio.

Sono previsti investimenti sia per quanto riguarda il parco mezzi che per l’assunzione di nuovo personale attraverso il quale viene garantito un servizio di supporto all’utenza attraverso l’ecosportello (1,6 milioni), a cui i cittadini potranno rivolgersi per chiedere informazioni in merito alla Tari e al nuovo sistema di raccolta.

Il “caso Cam”

Un iter, quello che ha portato alla nascita di questo nuovo soggetto, a tratti travagliato: a inizio febbraio il “caso Cam” aveva provocato un vero e proprio terremoto in casa Lega. Gli esponenti del Carroccio avevano infatti proposto un piano alternativo a quello presentato da Contarina incaricando dell’elaborazione Cam Srl. Isole ecologiche “intelligenti”, cassonetti tecnologici e telecamere pronte a sanzionare i “furbetti”: questa la proposta del gruppo.

Il caso rifiuti della Lega è uscito da palazzo Sisto ed è arrivato in Procura con un esposto presentato dal Movimento Cinque Stelle: era emerso che l’impresa Cam era nata pochi giorni prima della proposta di Maria Maione (allora segretaria cittadina della Lega, poi dimessa in seguito alla vicenda) e due dei quattro componenti del CdA erano dipendenti di Ata.

leggi anche
raccolta differenziata
Nuova era
Savona approva il piano rifiuti: al via il nuovo sistema di raccolta differenziata
bidoni mastelli differenziata
Nuove idee
Raccolta rifiuti a Savona, Lega: “Meglio isole ecologiche intelligenti e telecamere”
cassonetti degrado spazzatura centro Savona
Rincari
Savona, previsto un aumento del 20% sulla Tari: investimento di 12 milioni per la nuova raccolta differenziata
Bidoni Savona
Rinvio
Savona, slitta la vendita di Ata. I sindacati: “Così tempi più lunghi, stabilizzare subito i 35 lavoratori”
Ata Spa
Responsabilità
Savona, nuovo sciopero Ata. Sindacati: “Promesse non mantenute. 35 lavoratori dovevano essere stabilizzati”
Bidoni spazzatura Savona
Iter concluso
Rivoluzione raccolta rifiuti a Savona: ecco le tre offerte sul tavolo
Spazzatura Savona bidoni Savona
Piano
Savona, domani parte la pulizia straordinaria: assunti 15 lavoratori a tempo determinato e altri 35 stabilizzati

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.