Dubbi

Punto nascite Santa Corona, De Vincenzi e Liscio: “Continua a preoccupare la mancanza di una vera ostetricia e ginecologia”

"Speriamo che le dichiarazioni di Damonte Prioli siano anche di buon auspicio affinché non si verifichino più certe situazioni emergenziali"

Santa Corona

Pietra Ligure. Il sindaco di Pietra Ligure Luigi De Vincenzi ed il consigliere delegato alla sanità Giovanni Liscio accolgono con positività le dichiarazioni rilasciate a IVG.it dal Dg di Asl2 savonese Marco Damonte Prioli relative al futuro del Santa Corona e del suo punto nascite, chiuso ormai da diversi mesi.

“La grande attenzione e l’altrettanta apprensione che ha suscitato nell’opinione pubblica l’episodio di martedì scorso, che ha visto nascere un bambino in emergenza al pronto soccorso del Santa Corona, testimoniano la crescente preoccupazione delle comunità del ponente savonese per la situazione di criticità che sta vivendo il nosocomio pietrese che patisce, da tempo, il continuo ridimensionamento dell’offerta sanitaria di cui la chiusura del punto nascite e la rimodulazione del servizio di pronto soccorso pediatrico sono solo gli ultimi esempi”, dicono Luigi De Vincenzi e Giovanni Liscio.

“Siamo sollevati che questa vicenda si sia risolta nel migliore dei modi e senza alcuna conseguenza per mamma e bambino. Proprio per questo motivo vogliamo ringraziare sentitamente tutto il personale presente in quel momento al pronto soccorso e che ha reso possibile questa nascita, dimostrando, ancora una volta, grande professionalità e tempestività nello svolgere le pratiche necessarie a garantire un parto sicuro”.

“Esprimiamo, tuttavia, rammarico e preoccupazione per ciò che invece potrebbe presentarsi in futuro, qualora le condizioni non fossero così favorevoli o accompagnate da complicanze di diversa natura – continuano – Se da una parte la qualità e le capacità professionali del personale sanitario del nostro pronto soccorso danno senz’altro garanzie, dall’altra ci sentiamo in dovere di rimarcare quanto la mancanza di una struttura vera e propria di ostetricia e ginecologia in grado di assolvere ad ogni livello di urgenza ed emergenza sia un fatto che non può non preoccupare”.

“Per questo motivo accogliamo con positività le dichiarazioni rilasciate ieri dal direttore generale dell’Asl2 Marco Damonte Prioli, sperando che siano anche di buon auspicio affinché non si verifichino più certe situazioni emergenziali e augurandoci che sappia cogliere il significato più importante di questa vicenda, conclusasi per fortuna nel migliore dei modi, ripristinando al più presto il punto nascite e il pronto soccorso pediatrico in presenza H24 e tutti quei servizi che sono stati incomprensibilmente tolti al nostro ospedale, riportandolo a quel livello di assistenza di cui, per decenni, siamo stati testimoni”, concludono.

leggi anche
Ospedale Cairo
Favorevoli e contrari
Ospedale di Cairo, Speranza d’accordo con Prioli. Contrario il comitato: “Nessun campanilismo, solo necessità”
riccardo tomatis
Benefici
Ospedale di Albenga, Tomatis: “Dedicarlo al recupero delle ‘fughe’ porterà servizi anche al territorio”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.