Noli, opere di messa in sicurezza per 10 mln di euro grazie ai fondi di Protezione civile - IVG.it
Rischio idrogeologico

Noli, opere di messa in sicurezza per 10 mln di euro grazie ai fondi di Protezione civile

Sopralluogo oggi dell'assessore regionale Giacomo Giampedrone sui lavori in corso nel territorio nolese

Noli. L’assessore alla Protezione civile Giacomo Giampedrone ha effettuato due sopralluoghi per verificare l’andamento dei lavori su altrettanti interventi di riduzione del rischio idrogeologico a Noli.

Il primo, sui rii Mazzeno e San Michele, riguarda l’adeguamento degli alvei dei torrenti, con la successiva stabilizzazione del fronte di frana in un secondo lotto. I lavori sono in corso da aprile 2021 e verranno terminati entro l’estate 2022, nel rispetto del cronoprogramma previsto.

Il secondo cantiere riguarda lo spostamento della viabilità che si trova al momento all’interno dell’alveo del rio Noli, con conseguente adeguamento dell’alveo per migliorare il deflusso delle acque. In questo caso è in corso l’esecuzione del 1° lotto funzionale, corrispondente a circa la metà dell’intervento, verso la foce. Questo primo lotto si concluderà entro la fine del 2021.

Si tratta di interventi interamente finanziati da Regione Liguria con fondi di Protezione civile: per il primo sono stati stanziati 2milioni e 500mila euro, per il secondo 1milione e 700mila euro. Con i secondi lotti di diversi interventi, già approvato, si sfiora la cifra complessiva di 10 milioni di euro.

“Opere fondamentali per Noli e per la vita quotidiana dei residenti, andando a intervenire e a ridurre il rischio in aree urbanizzate – spiega l’assessore alla Protezione civile di Giacomo Giampedrone –. Lavori finanziati con risorse di Protezione civile a cui teniamo in modo particolare, ragione per cui abbiamo voluto accogliere le richieste dell’amministrazione comunale di Noli sia nello stanziamento delle risorse che nel verificarne lo stato di avanzamento e di esecuzione”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.