Loano, termina il PreMeeting con il presidente Istat: "Segnali positivi per ripartenza. Ci vuole coraggio, bisogna crederci" - IVG.it
Ultimo giorno

Loano, termina il PreMeeting con il presidente Istat: “Segnali positivi per ripartenza. Ci vuole coraggio, bisogna crederci”

L'ultimo giorno prevedeva un "flash meet" con don Marco Pozza e un dialogo tra Noberasco, Vittadini, Castelli, Blangiardo e Giorgetti

Loano. Dal lungomare di Loano al web. Dal vivo e online. È la formula con cui si è svolta la sesta edizione del PreMeeting di Loano, la manifestazione che anticipa i temi del Meeting di Rimini, kermesse che la Fondazione Amicizia fra i Popoli organizza ad agosto di ogni anno a Rimini. L’iniziativa, in programma dal 7 all’11 luglio a Marina di Loano, è stata promossa e realizzata dall’associazione culturale Cara Beltà e dal Banco di Solidarietà San Francesco Maria da Camporosso “Padre Santo” di Loano con il contributo dell’assessorato a turismo, cultura e sport del Comune di Loano, della Marina di Loano, di Regione Liguria.

L’ultima giornata prevedeva, alle 17.45, “Flash Meet”: 45 minuti con don Marco Pozza, sacerdote e scrittore. Infine l’incontro conclusivo, alle 18.30, che sul tema “Italia: i numeri della ricostruzione” ha visto dialogare Mattia Noberasco, imprenditore, Giorgio Vittadini, presidente Fondazione Sussidiarietà, il giornalista Enrico Castelli, il presidente Istat Giancarlo Blangiardo e (in collegamento video) il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti.

Al centro del dialogo, ovviamente, la questione della ripartenza, che nella regione più anziana d’Italia è ovviamente particolarmente sentita: “Sicuramente, vale per la Liguria come per il resto del Paese – concorda Blangiardo – E’ chiaro che dopo aver vissuto quella che io ho chiamato ‘la terza guerra mondiale’, perché è stata l’equivalente di una guerra a livello planetario con conseguenze enormi ovunque in termini di vittime, l’idea di ricostruire, ripartire e creare le condizioni per tornare come prima (e forse meglio di prima) è seguita da tutti”.

“E i segnali che emergono dai dati statistici in qualche modo ce lo confermano – aggiunge Blangiardo – sono quelli di una tendenza confortante, nel senso che qualcosa si sta muovendo. Come Istat abbiamo registrato un aumento del Pil, modesto ma nella direzione giusta; e le prospettive sono di una ripresa in parte di quello che si è perso. Questo vale sul piano dell’occupazione (che non ha ancora recuperato tutto), dell’impresa, del fatturato e dei consumi. Abbiamo, una serie di segnali positivi. Anche forse dal puto di vista demografico qualcosa si sta muovendo”.

“L’importante in questo momento credo sia valorizzare i segnali positivi, crederci e fare in modo che si possa continuare a favorire, anche con comportamenti virtuosi e positivi, la ripresa. Nell’interesse ovviamente di un ritorno al passato, e forse ancora meglio rispetto a prima” conclude Blangiardo. Che richiama il titolo del Meeting di Rimini, intitolato “Il coraggio di dire ‘io'”: “Ci vogliono assolutamente il coraggio e la convinzione, bisogna crederci. Se ci si crede, e qualche segnale – ripeto – c’è, si ottengono anche risultati”.

leggi anche
PreMeeting Loano 2021
Evento
“Il coraggio di dire ‘io’”, dal 7 all’11 luglio la sesta edizione del PreMeeting di Loano
Loano, al via la sesta edizione del PreMeeting
Kermesse
A Loano al via la sesta edizione del PreMeeting, Scholz: “Serve società arricchita da iniziative di tutti”
Loano, al via la sesta edizione del PreMeeting
Intervento
Al PreMeeting di Loano focus su persone e ‘io’, don Marco Pozza: “Meglio perdere inseguendo l’originalità che vincere con imitazioni”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.